rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Economia

Quanto sono costati il Reddito e la pensione di cittadinanza

Sono 1,16 milioni i nuclei familiari che a settembre hanno percepito il sostegno economico, per un totale di 2,45 milioni di persone. Tutte le cifre

Sei miliardi di euro sono stati spesi per reddito e pensione di cittadinanza durante i primi nove mesi del 2022 dallo Stato, per la misura di contrasto alla povertà e di politica attiva del lavoro, tornata sotto i riflettori dopo l'insediamento del governo Meloni e su cui potrebbe presto arrivare un intervento. Come riporta Today, nel corso del suo intervento alla Camera, la premier ha detto: "Vogliamo mantenere e, laddove possibile, aumentare il doveroso sostegno economico per i soggetti effettivamente fragili non in condizioni di lavorare, ma per gli altri la soluzione non può essere il reddito di cittadinanza, ma il lavoro". Secondo Meloni, "per come è stato pensato il reddito di cittadinanza ha rappresentato una sconfitta per chi era in grado di fare la sua parte per l'Italia, oltre che per sé stesso e per la sua famiglia".

Leggi tutte le notizie su TrentoToday.it

Secondo i dati dell'osservatorio dell'Inps, attualmente il reddito di cittadinanza viene percepito da quasi 1,2 milioni di famiglie. In particolare sono 1,16 milioni i nuclei che a settembre hanno percepito il sostegno economico, come reddito o pensione di cittadinanza. In totale sono 2,45 milioni le persone coinvolte. Secondo i dati dell'osservatorio dell'Inps, la fetta più grande va al Mezzogiorno: il 64,7% dei nuclei beneficiari risiede infatti nel sud e nelle isole, per un totale di quasi 1,7 milioni di persone suddivise in oltre 750mila nuclei. Per quanto riguarda il resto del Paese, il 20,2% dei nuclei beneficiari - per un totale di 234mila nuclei con 430mila persone coinvolte - risiede al nord, mentre il 15% - 174mila nuclei per 328mila individui - vive nel centro Italia.

L'importo medio varia sensibilmente con il numero dei componenti del nucleo familiare, e va da un minimo di 454 euro per i nuclei costituiti da una sola persona a un massimo di 736 euro per le famiglie con cinque componenti: il sostegno aumenta in base al numero dei figli. I nuclei beneficiari con la presenza di minori sono 358mila, per 1,28 milioni di persone coinvolte: l'importo medio mensile è di 682 euro, variabile da un minimo di 592 euro ad un massimo di 742 euro per le famiglie di cinque persone. Sale, invece, il numero di nuclei con un solo componente che a settembre l'hanno percepito: 546mila, il 47,1% del totale.

I nuclei con la presenza di disabili, invece, sono 199mila per un totale di 443mila persone coinvolte: in questo caso l'importo medio del beneficio è di 492 euro, variabile come in precedenza da 388 a 701 euro. Nel corso dei primi nove mesi dell'anno, infine, le revoche totali hanno riguardato oltre 46mila nuclei e le decadenze 230mila.

Allargando lo sguardo a tutto il periodo di esistenza di reddito e pensione di cittadinanza, da aprile 2019 a settembre 2022 sono stati erogati circa 25,9 miliardi di euro. Nel primo anno di introduzione della misura contro la povertà sono stati erogati 3,9 miliardi, mentre nel 2020 la spesa ha superato i 7,14 miliardi. Nel 2021 - anche a causa delle difficoltà economiche legate alla pandemia - la spesa ha superato gli 8,8 miliardi.

Fonte: Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto sono costati il Reddito e la pensione di cittadinanza

TrentoToday è in caricamento