Quarantena per chi arriva dalla Romania, Coldiretti: "Servono italiani". In Trentino 6.000 in attesa

La Coldiretti torna a lanciare l'allarme, nel frattempo però più di 6.000 residenti in Trentino sono in attesa della chiamata per lavorare come braccianti

Quarantena di 14 giorni per chi arriva in Italia da Romania e Bulgaria: la nuova disposizione firmata dal ministro alla Salute Roberto Speranza mette nuovamente a rischio la stagione agricola, soprattutto la vendemmia e la raccolta delle mele. A lanciare, nuovamente, l'allarme è la Coldiretti del Trentino Alto Adige, che chiede una semplificazione burocratica per assumere italiani. 

"I lavoratori romeni rappresentano la stragrande maggioranza della manodopera agricola nella nostra regione - spiega il presidente Gianluca Barbacovi - Se pensiamo, inoltre, che spesso i lavoratori sono occupati nelle campagne per periodi molto brevi, di 20 o 30 giorni, risulta evidente che 14 giorni di quarantena abbiano un impatto devastante sull’operatività di queste persone. Ricordiamo che si tratta spesso degli stessi lavoratori che hanno instaurato un rapporto di fiducia con i nostri agricoltori e ogni anno attraversano il confine per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese. Una possibilità che consente di garantire professionalità ed esperienza alle imprese agricole locali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per far fronte alla situazione la Coldiretti chiede una semplificazione radicale del voucher agricolo, che permetterebbe a "percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani", così si legge nella nota, di lavorare nelle campagne. Un'azione di questo tipo è già stata lanciata, in Trentino, dalla Provincia in sinergia con l'Agenzia del Lavoro, che fin dall'inizio dell'emergenza ha raccolto la disponibilità di oltre 6.000 residenti in Trentino. Secondo i dati, diffusi dalla stessa Coldiretti, ne sono stati chiamati pochissimi: a fine giugno soltanto 84. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Bollettino coronavirus in Trentino: altri 3 morti, la Provincia annuncia nuovi provvedimenti

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

  • Tenna, incidente mortale in tarda serata: la vittima è Luca Maurina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento