rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Caro carburanti

Prezzi in calo per benzina e diesel: cosa sta succedendo

Prorogato lo sconto: taglio alle accise

Buone notizie: calano i prezzi di benzina e diesel, proprio nei giorni in cui milioni di italiani sono in viaggio per le vacanze estive. Come spiega Today, il calo dei prezzi alla pompa continua imperterrito da settimane. Con le quotazioni internazionali dei prodotti petroliferi che venerdì hanno chiuso ancora in discesa (in particolare sul diesel), sabato si sono registrati nuovi tagli delle compagnie sui prezzi raccomandati: Eni e Tamoil hanno ridotto di 2 centesimi i due carburanti, Q8 di 3 centesimi, IP di 2 centesimi benzina e diesel e di 1,5 centesimi il Gpl. Lo rileva l'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati comunicati dai gestori all'Osservaprezzi del Mise aggiornati alle 8 di ieri 7 agosto.

Il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self è 1,833 euro/litro (1,861 il livello rilevato venerdì), con i diversi marchi compresi tra 1,818 e 1,854 euro/litro (no logo 1,829). Il prezzo medio praticato del diesel self è 1,815 euro/litro (contro 1,841), con le compagnie tra 1,799 e 1,833 euro/litro (no logo 1,813). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato si attesta a 1,977 euro/litro (2,010 il prezzo rilevato venerdì), con gli impianti colorati che praticano prezzi tra 1,912 e 2,028 euro/litro (no logo 1,881). La media del diesel servito è 1,960 euro/litro (contro 1,991), con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,896 e 2,013 euro/litro (no logo 1,864). I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,814 a 0,838 euro/litro (no logo 0,805). Infine sale il prezzo medio del metano auto, collocandosi tra 2,202 e 2,693 (no logo 2,375).

Prorogato lo sconto: taglio alle accise di benzina, gasolio, Gpl e metano

Ci sarà un altro ulteriore mese di sconti sul carburante. Con il decreto Aiuti bis il taglio alle accise di benzina, gasolio, Gpl e metano sposta la scadenza più in là: dal 21 agosto al 20 settembre. È la quinta proroga in pochi mesi per il meccanismo di riduzione (“temporaneo”) dell’accisa, attivato lo scorso marzo a compensazione delle maggiori entrate Iva derivanti dalla fluttuazione del prezzo del petrolio greggio.

Viene quindi confermato che le accise di benzina e gasolio sono ridotte di 25 centesimi di euro netti a litro (30,5 centesimi considerando l’Iva al 22%). Sul Gpl il taglio resta invece di 4,7 centesimi (5,7 centesimi Iva inclusa). Mentre sul metano non si pagano accise e si versa l’Iva al 5%: l’imposta ridotta sul “gas naturale per autotrazione” (rispetto al 22% ordinario) è in vigore dal 3 maggio scorso ed è stata introdotta anch’essa dal decreto Taglia-prezzi 21/2022, trasferendo in sede di conversione la disposizione del Dl 38/2022.

Fonte: Today

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prezzi in calo per benzina e diesel: cosa sta succedendo

TrentoToday è in caricamento