Polo Meccatronica: lavori per 51 milioni. Tarolli presidente

Il passaggio in Giunta provinciale dà il via libera alla progettazione preliminare e alla successiva attività gestionale dell'appalto: i due edifici sorgeranno nella parte centrale dell'attuale Polo di via Zeni

Il presidente e Ceo di Dana Italia di Arco Rino Tarolli sarà il coordinatore del Comitato di indirizzo del progetto industriale e tecnico-scientifico della Meccatronica di Rovereto, su incarico della giunta provinciale. La Provincia ha infatti deciso di istituire un Comitato di indirizzo incaricato di definire e attuare gli indirizzi strategici con cui si dovrà dare contenuto al progetto della Meccatronica. Lo stesso, presieduto da Tarolli, sarà prossimamente integrato con altre competenze.

Tarolli è stato individuato dalla Provincia autonoma di Trento come coordinatore del Polo della meccatronica per la sua esperienza alla guida di un'azienda come la Dana di Arco, quartier generale del Gruppo Heavy Vehicle Technologies & Systems -Europe della corporation americana Dana Co.,  specializzata nella produzione di sistemi di trazione di veicoli stradali e non stradali. La sede trentina coordina anche le attività degli altri stabilimenti della Dana in Italia, Europa e Asia, e ha siglato recentemente una joint ventures con un altro colosso industriale, Bosch. 
 
Quello che si vuole realizzare a Rovereto sarà un polo scolastico  su due edifici con “laboratori di produzione” dove simulare condizioni tipiche del lavoro in cantiere, isole di apprendimento articolate nelle diverse aree tecnologiche e scientifiche con attrezzature multimediali all’avanguardia. Parallelamente alla costruzione del nuovo edificio che ospiterà le attività produttive, per il quale è in corso la procedure di aggiudicazione dei lavori, procede anche l’iter per la definizione di quelli che saranno gli spazi destinati ai due istituti scolastici roveretani, l’Iti Marconi e il Cfp Veronesi.
 
Il passaggio di oggi in Giunta provinciale dà il via libera alla progettazione preliminare e alla successiva attività gestionale dell’appalto dell’opera, per la quale è stato stanziato un importo complessivo di 51 milioni e 500 mila euro. La progettazione congiunta dei due edifici, che sorgeranno nella parte centrale dell’attuale Polo Tecnologico di via Zeni, al posto degli storici "capannoni Pirelli", consentirà un risparmio di almeno 3,5 milioni rispetto ai 55 milioni inizialmente previsti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento