Partite Iva: boom a Trento, crollo a Bolzano

"Segno di una ripresa che in Alto Adige c'è già stata" questo il commento del presidente dell'associazione artigiani CNA Salvadori. "In provincia di Bolzano molte aziende hanno scelto di stabilizzare i contratti, perciò si è registrato un calo rispetto all'anno precedente, in Trentino succederà forse ne 20016"

Trento + 18%, Bolzano -30%. Le  percentuali si riferiscono al numero di partite Iva aperte nell'annno appena concluso rispetto al  precedente. I dati diffusi dal Ministero dell'Economia descrivono una distanza abissale tra due province così vicine, e per certi versi molto simili. La provincia di Trennto è tra quelle che mostra l'aumento più significativo sul numero di partite Iva aperte nel Nord Italia, dove si llocalizza il 43,2% delle nuove aperture, superando l'Emilia Romagna (+12,8%). L'Alto Adige si avvicina di più alla situazione riscontrata in regioni più piccole comela Valle d'Aosta dove si registra una diminuzione dell'8,3%. Il 30% in meno sembra però un vero e  proprio crollo, addirittura anomalo all'interno del panorama nazionale.

“L’Alto Adige è la provincia italiana che ha risentito meno della crisi - questo il commento di Pino Salvadori, segretario generale della Cna-Shv, associazione di artigiani e piccole imprese del Trentino Alto Adige - che invece  in Trentino ha avuto un impatto più forte, soprattutto dal punto di vista occupazionale. Oggi l’Alto Adige è in piena ripresa, come testimonia il barometro congiunturale della Camera di commercio, che indica una crescita del Pil dell’1,1% nel 2015  e dell’1,7% quest’anno, mentre in Trentino le aspettative reddituali degli imprenditori rimangono molto caute. L’aumento delle partite Iva in Trentino a novembre  indica probabilmente un inizio di ripresa economica che l’Alto Adige ha registrato già alla fine del 2014. Le riforme nazionali in materia di lavoro e gli incentivi fiscali nazionali e provinciali, inoltre, stanno spingendo molte aziende altoatesine alla stabilizzazione, con contratti di lavoro, delle finte partite Iva, fenomeno purtroppo presente. Un trend che potrebbe verificarsi in Trentino nel corso del 2016”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento