menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marchio 'Qualità Trentino' e disciplinare per gli asparagi bianchi

Gli asparagi devono presentare delle precise caratteristiche indicate dal disciplinare, che prevede anche che le tecniche di coltivazione rispettino le norme vigenti relative alla produzione integrata o biologica o biodinamica

L'asparago bianco trentino, sia come prodotto fresco che trasformato, è stato inserito dalla Giunta provinciale tra gli ortaggi con indicazione di origine con marchio 'Qualità Trentino'. Gli asparagi devono presentare delle precise caratteristiche indicate dal disciplinare, che prevede anche che le tecniche di coltivazione rispettino le norme vigenti relative alla produzione integrata o biologica o biodinamica.

Nel disciplinare sono compresi e descritti gli asparagi in agrodolce interi, gli asparagi in tocchetti, la crema di asparago classica, la crema di asparago dolce e l'asparago pelato fresco pronto all'uso. Per la vendita degli asparagi bianchi, inoltre, non devono essere trascorsi più di 2 giorni dalla raccolta per il prodotto non conservato in frigo e non più di 5 giorni per quello conservato in frigorifero. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento