menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

INPS: in Trentino 152 lavoratori in nero negli ultimi sei mesi

Le sanzioni comminate dall'Istituto al termine di un semestre di controlli mirati sfiorano il milione e mezzo di euro, ispettori nelle campagne per la vendemmia e la raccolta delle mele

Sono 152 i casi di lavoratori in nero scoperti dall'Inps nell'ultimo semestre in Trentino. Lo comunica l'Istituto con una nota diffusa oggi, martedì 4 settembre, al termine di una lunga stagione di controlli mirati. Chiaramente il rischio "di stagione" è quello di assunzioni in nero nelle campagne per la raccolta di mele ed uva, dopo il grave caso di caporalato scoperto durante la vendemmia dell'anno scorso.

"In questi giorni l’attività degli Ispettori dell’Istituto si è concentrata contro il lavoro irregolare delle “finte” cooperative che propongono manodopera per l’attività di raccolta in agricoltura - si legge nella nota - I primi risultati conseguiti con questa azione capillare hanno consentito agli ispettori Inps di intercettare 15 lavoratori provenienti dall’area del Nord Africa totalmente non dichiarati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Attualità

L'estate 2021 tra distanziamento e mascherine: come sarà

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cucciolo di orso trovato morto sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento