menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irpef, in arrivo un'altra stangata per autonomi e dipendenti

La manovra di Monti, che porta dallo 0,9% all'1,23% la quota base dell'addizionale Irpef regionale, ha stabilito che la misura è retroattiva. La novità, che aumenta del 36,7% la base del prelievo, si applica dal 2011

Le sorprese del decreto "salva-Italia" del governo Monti non finiscono mai. L'ultima riguarda l'Irpef regionale, altro tassello che costituisce la maxi-stangata. Secondo la legge era "congelata" ormai da tre anni e poteva essere innalzata solo per coprire i buchi della sanità. In verità è già cresciuta da 11 mesi a questa parte. Il motivo? La manovra di Monti, che porta dallo 0,9% all'1,23% la quota base dell'addizionale Irpef regionale, su cui i governatori possono applicare le loro "maggiorazioni", ha stabilito che la misura è retroattiva. La novità, che aumenta del 36,7% la base del prelievo regionale sui redditi, si applica infatti a decorrere dall'anno di imposta 2011 (e coinvolge anche Regioni autonome e le Province di Bolzano e Trento).

L'Irpef regionale, a differenza di quella comunale che distingue tra acconto in corso d'anno e quota a saldo, si paga interamente nell'anno successivo a quello a cui si riferisce, rispettando così lo Statuto dei contribuenti. Ma nella formula presentata da Mario Monti, la novità peserà già sui cedolini paga di gennaio, sia per i lavoratori dipendenti sia per i pensionati. L'impatto della  novità è proporzionale al reddito: andrà dai 33 euro di chi ne dichiara al Fisco 10mila, fino ai 660 euro chiesti a chi ne dichiara 200mila. Per un reddito pari a 40mila euro la richiesta aggiuntiva sarà di 132 euro. Per i lavoratori autonomi la situazione è differente. Nel loro caso l'accelerata sull'Irepf locale comincerà a pesare da giugno 2012: con un reddito dichiarato da 40mila euro la nuova Irpef regionale imporrà un contributo di 132 euro. Se invece il reddito sale a 100mila euro, la doppia mossa costerà, a giugno, un versamento aggiuntivo prossimo ai 6.500 euro.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento