Invalido dopo il malore sul camion, Arcese lo licenzia: condannata al reintegro

Licenziato dopo un anno di malattia perchè non più idoneo alla guida: la Corte di Cassazione lo fa reintegrare con altre mansioni

Licenziamento ingiusto all'Arcese: la Corte d'Appello di Trento ha condannato l'azienda di autotrasporti al risarcimento ed al reintegro di un dipendente che, rimasto parzialmente invalido dopo essere stato colto da un malore mentre si trovava alla guida di un camion della ditta. I fatti risalgono a circa quattro anni fa.

Dopo un anno di malattia durante il quale l'uomo era stato sottoposto ad interventi chirurgici e riabilitazione, l'azienda lo ha licenziato sulla base del referto medico che riduceva l'idoneità lavorativa del dipendente il quale, tramite il sindacato SBM, ha da subito contestato il licenziamento. "I giudici di primo grado del Tribunale di Trento (quello della fase d’urgenza e quello di merito, secondo il cosiddetto “rito Fornero”), aditi sul punto, dichiaravano la correttezza del licenziamento - siega una nota del sindacato di base - facendo prevalere il diritto costituzionale sulla libera iniziativa economica privata, sancito dall'articolo 41, a quello altrettanto fondamentale sulla salute, previsto dall'articolo 32 della Costituzione. I magistrati della Corte d'Appello hanno poi ribaltato questa decisione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La questione è quindi finita in Corte di Cassazione, che ha infine dato ragione al lavoratore. La suprema corte ha evidenziato "la necessità di un equo e bilanciato contemperamento tra il diritto alla  salute ed al lavoro ed il diritto al libero esercizio dell'impresa, attraverso l’adibizione del lavoratore anche ed eventualmente a mansioni inferiori ed il compimento di quei processi di adattamento dell’assetto organizzativo che si rivelino con esso compatibili"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Barche e canoe non reclamate sul lago: il Comune di Levico mette tutto all'asta

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Coronavirus in Trentino: nuovo picco di contagi, 79 classi in quarantena e due pazienti in rianimazione

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento