Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia San Giuseppe / Via dei Muredei

Indennità provinciale per chi è stato in cassa integrazione nel 2020

Domande dall'11 gennaio al 28 febbraio, con alcune novità: potranno fare richiesta anche trentini che lavorano fuori provincia e l'arco temporale della sospensione è stato raddoppiato

Al via le nuove domande di indennità provinciale per i lavoratori in cassa integrazione, con alcune novità. Dall'11 gennaio al 28 febbraio 2021 sarà infatti possibile presentare domanda sul sito dell'Agenzia del Lavoro per tutti i lavoratori e le lavoratrici che nel corso del 2020 siano stati posti in cassa integrazione per almeno 300 ore. 

La novità più significativa, introdotta su spinta dei sindacati, è l'estensione da 6 a 12 mesi per il raggiungimento delle 300 ore di sospensione, requisito per accedee all'indennità. Chi ha già usufruito della misura per il primo semestre 2020 potrà dunque integrare tutte le ore di sospensione eventualmente maturate tra luglio e dicembre 2020. Altra novità è la possibilità di fare domada anche per i trentini che lavorano fuori provincia. 

Intennità integrativa: tutte le informazioni

L’indennità spetta sia ai lavoratori con contratto a tempo pieno sia con contratto part time. In questo caso l’importo viene riparametrato sulle ore contrattuali. La misura riguarda anche i lavoratori in somministrazione che abbiano i requisiti. E' necessario avere avuto o avere tutt’ora un contratto in essere fino al 9 novembre 2020. Alla data di presentazione della domanda si può risultare anche occupati presso altro datore di lavoro o disoccupati. L’integrazione provinciale riguarda tutti i lavoratori e le lavoratrici occupati presso aziende la cui sede legale od unità produttiva sia ubicata in Provincia di Trento, ovvero, se residenti in Trentino, anche i dipendenti di aziende che hanno la propria sede fuori dai confini provinciali, ma in territori comunque limitrofi.

L’indennità è pari a:

  • minimo 450 euro per chi ha una retribuzione lorda fino a 2.158,48 euro cui si aggiungono 1,5 euro ogni ora di sospensione ulteriore alle prime 300 (con 520 ore di cassa, pari a circa 13 settimane o a 3 mesi, l’indennità di un full time è di circa 780 euro)
  • minimo 300 euro per chi ha una retribuzione lorda superiore a 2.158,48 euro cui si aggiungono 1 euro ogni ora di sospensione ulteriore alle prime 300 (con 520 ore di cassa, pari a circa 13 settimane o a 3 mesi, ’indennità di un full time è di circa 520 euro).

Si può presentare domanda esclusivamente via web dall’11 gennaio alle ore 12.30 del 28 febbraio di quest’anno. Alla domanda va allegata una specifica certificazione delle ore di sospensione effettuate che verrà rilasciata dal datore di lavoro o da un soggetto abilitato.
La domanda si invia sul sito di Agenzia del Lavoro al link
www.fse2.provincia.tn.it/Trento_FSE/WebLogin_individuali/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indennità provinciale per chi è stato in cassa integrazione nel 2020

TrentoToday è in caricamento