menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sostegni al reddito e agevolazioni, aggiornato il paramento Icef

Dal 1° luglio entrano in vigore le nuove disposizioni per la valutazione della condizione economica di coloro che richiedono interventi agevolativi, nonche' per la verifica e il controllo delle dichiarazioni Icef

Dal 1° luglio entrano in vigore le nuove disposizioni per la valutazione della condizione economica di coloro che richiedono interventi agevolativi, nonche' per la verifica e il controllo delle dichiarazioni Icef. ''Abbiamo voluto aggiornare lo strumento - commenta l'assessore provinciale alla Salute Ugo Rossi - non solo in vista dell'apertura dei termini di una nuova serie di domande di interventi agevolativi, ma anche tararlo tenendo conto dell'esperienza degli anni precedenti. In questo senso abbiamo voluto introdurre maggiori controlli sui 'furbetti', per esempio contemplando le carte prepagate ai fini della dichiarazione Icef, nonche' prevedere apertura verso i lavoratori autonomi in difficolta'''.

Conti correnti e depositi a risparmio: la loro valutazione sarà fatta in basa alla giacenza media annuale, ovvero non saranno più valutati i saldi dei conti correnti a determinate scadenze, ma la liquidità giacente in media nel corso di tutto l'anno; con questa modifica si ottiene, da un lato, una maggiore equità nei confronti dei soggetti che hanno entrate straordinarie in prossimità delle scadenze trimestrali, dall'altro si pone un freno ad eventuali operazioni elusive volte a prelevare liquidità dai conti correnti.
 
Carte prepagate: sempre nell'ottica di monitorare e di avere un esatto quadro della situazione finanziaria del soggetto, dovranno essere dichiarate anche le carte prepagate sulle quali possono essere accantonate somme rilevanti; si tratta quindi di carte con plafond superiore a 5.000 euro.

Lavoratori autonomi e imprese individuali: pur ribadendo la priorità di dichiarare i redditi minimi derivanti da norme anti-elusive, è data la facoltà ai lavoratori autonomi di indicare il reddito fiscale nei casi di difficoltà economica, o di altra natura, oggettivamente comprovabili.

Deduzione per soggetti non autosufficienti: è stata introdotta una modifica a vantaggio dei soggetti  ai quali viene accertata una riduzione del grado invalidità/non autosufficienza nel corso dell'anno. Questi soggetti mantengono per tale anno la maggiore deduzione forfettaria dal reddito prevista per la categoria di invalidità/non autosufficienza precedente la revisione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento