rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Economia Centro storico / Via Giuseppe Verdi

Garanzia Giovani: approvati i criteri per gli enti

Ilpiano Garanzia Giovani entra nel vivo: in ballo ci sono risorse pari a 6,5 milioni e la Provincia prevede il coinvolgimento di circa 3000 giovani. Gli enti pubblici e privati che vogliono accreditarsi per offrire tirocini, percorsi formativi e lavorativi devono presentare le proposte progettuali entro settembre

Il piano nazionale Garanzia Giovani in Trentino entra nel vivo con l'approvazione dei criteri attuativi da parte della Giunta. Le risorse vengono dalla Comunità europea, si parla di 8.371.352 euro che andranno a finanziare attività di tirocinio, apprendistato e servizio civile per circa 3000 giovani. In particolare dopo l'approvazione dei percorsi formativi la Provincia pensa di poter coinvolgere 2.672 giovani nel percorso di tirocinio gestito da Agenzia del Lavoro, ed altri 200 nel percorso gestito dal Servizio Istruzione. Per il primo percorso saranno impegnate risorse pari a 5.762.000 euro, per il secondo 750.000. Enti pubblici e privati, aziende ed altri soggetti dovranno accreditarsi dimostrando il possesso dei seguenti requisiti:

PERCORSO A)
Possono partecipare all’Avviso, mediante presentazione di proposte progettuali, tutti i soggetti pubblici e privati con sede legale nell’Unione Europea in possesso dei seguenti requisiti:
-    Orientamento di II livello: l’accreditamento provinciale ai sensi delle deliberazioni della Giunta provinciale n. 968 del 24 maggio 2013 e n. 607 di data 17 aprile 2014, rete dei servizi per il lavoro;
-    Formazione propedeutica e Tirocinio: accreditamento FSE (sezione III del decreto del Presidente della Provincia 9 maggio 2008, n. 18-125/Leg.5 e specificati dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 1820 del 18 luglio 2008 e s.m).
-    Accompagnamento al lavoro l’accreditamento provinciale ai sensi delle deliberazioni della Giunta provinciale n. 968 del 24 maggio 2013 e n. 607 di data 17 aprile 2014 (rete dei servizi per il lavoro) , ovvero autorizzazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per gestire servizi per il lavoro ai sensi dell'art. 4 d.lgs. 276/2003 comma 1 lettere a) e c)
Le proposte progettuali dovranno pervenire all’Agenzia del Lavoro entro le ore 12.30 di mercoledì 10 settembre 2014, secondo le modalità definite nel relativo avviso.

PERCORSO B)
Possono partecipare all’ Avviso, mediante presentazione di proposte progettuali, tutti i soggetti pubblici e privati con sede legale nell’Unione Europea in possesso di accreditamento FSE (sezione III del decreto del Presidente della Provincia 9 maggio 2008, n. 18-125/Leg.5 e specificati dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 1820 del 18 luglio 2008 e s.m).
Le proposte progettuali dovranno pervenire al Servizio istruzione e formazione del secondo grado, universita’ e ricerca, entro le ore 12.30 di venerdi’ 12 settembre 2014, secondo le modalità definite nel relativo avviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garanzia Giovani: approvati i criteri per gli enti

TrentoToday è in caricamento