Al via il Fondo territoriale di Solidarietà

Con il decreto del Governo firmato il primo giugno dai ministri Poletti e Padoan il Fondo entra a regime: sosterrà il reddito e la riqualificazione di 52 mila lavoratori delle piccole imprese

E' destinato a sostituire la cassa integrazione straordinaria il  Fondo territoriale di Solidarietà per il sostegno al reddito e la riqualificazione dei lavoratori delle piccole imprese.

Si stima che ad esserne interessati siano potenzialmente circa 52.000 dipendenti. La tutela prevista scatta nei casi di riduzione o sospensione dell'attività lavorativa.

Il Fondo è gestito da un “Comitato amministratore” composto da: 6 esperti designati dai Sindacati Cgil, Cisl e Uil stipulanti l'Accordo, 6 esperti designati dalle organizzazioni dei datori di lavoro,  2 dirigenti, rispettivamente del Ministero del Lavoro e del Ministero dell'Economia e delle Finanze e un dirigente della Provincia autonoma di Trento.

Il finanziamento spetta al datore di lavoro e al lavoratore, con un contributo dello 0,45% sulla retribuzione mensile, per due terzi a carico del datore e per un terzo del lavoratore. La Finanziaria 2016 ha però sgravato il datore di lavoro di metà dei suoi oneri contributivi, rendendoli detraibili dall'imposta Irap dovuta.  In sostanza, l'onere contribuitivo spetterà per 1/3 ad ognuno dei soggetti firmatari: Provincia, lavoratori, imprese.

A ciò si aggiunge uno stanziamento provinciale "di partenza" di 2 milioni di euro, valido per il 2016. E' previsto infine, per mantenere il Fondo in equilibrio finanziario, un contributo addizionale a carico del datore di lavoro che ricorre alla sospensione o riduzione dell'attività lavorativa pari al 4% della retribuzione persa dal lavoratore per le prime 13 settimane, successivamente elevato all'8%.

La durata massima di percepimento da parte del lavoratore dell'assegno previsto dal Fondo è di 13 settimane per singola domanda, e in ogni caso nel limite di 26 settimane nel biennio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

  • Centro sociale Bruno contro il nuovo parcheggio: "L'ex Italcementi diventi un parco"

Torna su
TrentoToday è in caricamento