rotate-mobile
Economia Gardolo / Via di Spini

Dall'Europa 1,8 milioni di euro per gli ex lavoratori Whirlpool di Gardolo

Un fondo complessivo di 3,1 milioni di euro di cui oltre la metà come aiuto diretto ai lavoratori dello stabilimento di Spini, in cassa integrazione da settembre: la notizia arriva dalla commissione per il lavoro dell'Unione Europea, ma la proposta dovrà ora passare per il Parlamento ed il Consiglio dei Ministri europeo

Un aiuto ai 608 lavoratori della Whirlpool di Gardolo, in cassa integrazione da quando lo stabilimento ha chiuso i battenti ad agosto, potrebbe arrivare dall'Unione Europea: Laszlo Andor, economista ungherese, commissario europeo per l'occupazione, ha annunciato l'assegnazione di un fondo complessivo di 3,1 milioni di euro di cui 1,8 milioni servirebbero come sostegno diretto ai lavoratori dello stabilimento dismesso, parallelamente a percorsi di accompagnamento nella ricerca di un nuovo lavoro.

La proposta è stata sottoposta al  Parlamento europeo ed al Consiglio dei ministri Ue per l'approvazione. La notizia arriva dalle pagine web di Milano Finanza dove si spiega che lo stanziamento destinato a Gardolo fa parte del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione e che si prevede che i beneficiari siano tutti i lavoratori ex Whirlpool in esubero. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Europa 1,8 milioni di euro per gli ex lavoratori Whirlpool di Gardolo

TrentoToday è in caricamento