Due anni senza dichiarare redditi e IVA: sotto indagine una parafarmacia di Riva del Garda

Berretti verdi in una parafarmacia gardesana: i prodotti venivano venduti con scontrini che però non venivano registrati

Quasi settecentomila euro di ricavi ed oltre centomila euro di IVA: sono queste le cifre contestate dalla Guardia di Finanza ad una parafarmacia di Riva del Garda, che per ben due anni non avrebbe presentato la dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto. 

"La società è stata individuata attraverso un’analisi di rischio di carattere economico-finanziaria, condotta sulla base degli elementi acquisiti sul territorio - spiega la Tenenza di Riva del Garda - Dall’incrocio dei dati sono emerse evidenti anomalie ed in particolare l’assenza di ricavi dichiarati al Fisco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In breve la parafarmacia vendeva i propri prodotti emettendo regolare scontrino, in modo da non insospettire i clienti, salvo poi non registrare gli scontrini in contabilità. Una mossa che ha permesso all'attività commerciale di non pagare le imposte dirette e l'IVA per due anni, ma che alla fine è stata facilmente smascherata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento