menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tipico cappello bavarese di feltro

Tipico cappello bavarese di feltro

Università, brevettato a Povo il super-feltro che protegge dal freddo

Un materiale realizzato a partire da una resina siliconica, con risultati mai raggiunti finora

Può servire per fare il "cappotto" ad una casa, ma anche come tessuto per cappotti veri e propri il nuovo feltro hi-tech brevettato l Laboratorio Vetro e Ceramici del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Trento. Un nanomateriale realizzato con microscopiche fibre di nitruro di silicio, per molti aspetti simile al feltro tradizionale: flessibile, pieghevole, ignifugo e soprattutto un potente isolante. 

"Può essere utilizzato sia in ambito edilizio sia nel vestiario per bassissime temperature - spiega Gian Domenico Sorarù, responsabile del gruppo insieme ai ricercatori Emanuele Zara e Presanta Jana - «Il feltro viene ottenuto da una resina siliconica attraverso un trattamento ad alta temperatura. Ha un potere di isolamento termico tra i più alti mai misurati finora."

Queste  le caratteristiche tecniche: la conducibilità termica di questo materiale è pari a 19 mW/mK (ovvero 19 milliwatt al metro Kelvin) e solo l’aerogel di silice può raggiungere valori così bassi (attorno ai 15-20 mW/mK), ma risulta molto più complicato e costoso da produrre.

Ora non resta che attendere una start-up o un'azienda più affermata  per sviluppare le potenzialità della nuova scoperta. "Lancio un invito alle aziende attive nel settore tessile, dei materiali per l’edilizia o dei materiali avanzati in generale perché vengano a conoscerci e si possano stringere accordi di collaborazione per passare dal brevetto al mercato" conclude Sorarù. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento