Inps: in Trentino evasione contributiva per 7 milioni di euro, centinaia i lavoratori in nero

Oltre 600 lavoratori in nero ed irregolari, evasione contributiva 7 milioni di euro: sono questi i dati presentati dall'Inps relativi ai controlli in 800 aziende trentine

Lavoro sì, ma senza contributi: complice la crisi sempre più aziende mostrano una situazione poco chiara sul pagamento  dei contributi. E' quanto emerge dai dati Inps relativi all'anno appena concluso: 7 milioni di euro di evasione contributiva recuperati in provincia di Trento e più di 600 lavoratori in nero o irregolari, numeri simili in provincia di Bolzano dove i milioni di euro recuperati sono stati 6 e 450 i lavoratori per i quali le aziende (1600 quelle controllate in regione) non hanno versato i contributi previdenziali.

I dati sono stati  diffusi oggi dal TGR Trentino che proprio sulla legalità ha lanciato una campagna di approfondimento. "Se è vero che il lavoratore vede subito il guadagno netto bisogna anche far capire che così si  brucia il proprio futuro - ha detto ai microfoni  Rai il segretario della Cgil trentina Franco Ianeselli - il nero è un vero e  proprio furto ai dannni dei lavoratori, su questo punto serve grande unità di tutte le  parti coinvolte, non si può arretrare". 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento