Niente bollo per le auto storiche: la Corte costituzionale dà ragione alla Provincia

Il braccio di ferro, finito davanti alla Corte Costituzionale, si è risolto con il riconoscimento della tassa automobilistica come tassa propria, legittima quindi l'esenzione

In Trentino le auto storiche continuerannno a non pagare il bollo auto: l'esenzione, in vigore dal 1° gennaio 2015 reintrodotta con la legge provinciale di assestamento di bilancio 2016, era stata impugnata dallo Stato nel luglio dello stesso anno. Ora, dopo quasi due anni, la Corte costituzionale si è pronunciata dando ragione alla provincia e riconoscendo la tassa automobilistica come tassa propria, di competenza provinciale. 

"La Corte costituzionale con sentenza n. 118, depositata il 22 maggio scorso, ha definito il giudizio promosso dal Governo avverso la legge finanziaria provinciale di assestamento 2015, dichiarando non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 4 della citata l.p. in materia di tassa automobilistica provinciale" si legge in una nota dell'Ufficio legale della Provincia autonoma di Trento. 

"Il ricorso del Governo - prosegue la nota -  riguardava l'esenzione dal 1° gennaio 2015 dal pagamento della tassa automobilistica provinciale per gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti a uso professionale, di anzianità compresa tra i venti e i trent'anni, classificati di interesse storico o collezionistico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ottenere l'esenzione è necessario iscrivere il veicolo in un apposito registro, tramite il pagamento di una tassa forfettaria. Vittoria della Provinncia dunque: "Nell'attuale sistema statutario la tassa automobilistica provinciale è un tributo proprio in senso stretto della Provincia. Compete, quindi, al legislatore provinciale disporre, ai sensi dell'art. 73 dello statuto speciale, le esenzioni ritenute opportune rispetto a una tassa attribuita alla sua competenza". Tanto più che l'esenzione era stata in un primo momento introdotta a livello sttatale, e poi abrogata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Dramma in montagna: ricercatore dell'Università di Trento cade in un crepaccio

  • Si tuffa dal pedalò e non riemerge: muore annegato a soli 21 anni

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Cade con la carrozzina nel torrente e muore

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento