menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prestito di due miliardi dalla Bce al sistema bancario trentino

Complessivamente 2,15 miliardi di euro: circa un miliardo tra le Bcc del Nordest, 930 milioni alle Casse Rurali trentine, 80 milioni a Cassa del Trentino e 150 milioni che confluiranno in Cassa Centrale Banca

Oltre due miliardi di euro, a tanto ammonta il prestito ottenuto da Cassa Centrale all'asta della Bce, la Banca centrale europea. Liquidità che con valuta 1º marzo sarà distribuita tra le Casse Rurali trentine, le Bcc nel Nordest, Cassa del Trentino e la stessa Cassa Centrale.

Un'operazione che fa seguito a quella analoga di dicembre destinata a dare ossigeno, sempre con l'intermediazione dell'istituto di via Segantini, alle banche del Trentino ed ora anche alla tesoreria della Provincia.
 
Il prestito triennale avrà un costo di poco inferiore al 2 per cento annuo. Complessivamente 2,15 miliardi di euro: circa un miliardo tra le Bcc del Nordest, 930 milioni tra le Casse Rurali trentine, 80 milioni sono riservati alla Cassa del Trentino ed infine 150 milioni confluiranno in Cassa Centrale Banca.
 
Per il sistema delle Rurali sarà una importante boccata d'ossigeno per garantire la liquidità, con gli impieghi complessivi a quota 12,3 miliardi contro una raccolta di 12,5 miliardi.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Attualità

Covid, il governo al lavoro per le riaperture: il piano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento