Pinot grigio: presentata a Vinitaly la DOC "delle Venezie", la più vasta d'Europa

Tenuta a battesimo da Rossi, Zaia e Serracchiani la nuova DOC è la più estesa d'Europa, ma il Trentino rappresenta un ottavo della produzione totale. Il governatore del Veneto: "Puntiamo alzare il prezzo di questi vini, i viticoltori ora hanno una Ferrari con le chiavi sul cruscotto"

Dopo anni di travagliata gestazione la nuova DOC Pinot Grigio "Delle Venezie" è stata ufficialmente presentata oggi al Vinitaly di Verona dal presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi e dai pesidenti delle regioni Veneto, Luca Zaia, e  Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani. Si tratta, per vastità di territorio interessato e quantità di prodotto, della più grande denomminazione di origine controllata in Europa. Dai tre governatori l'operazione è stata salutata come "un lavoro di squada, tra territori, produttori e Ministero frutto di lungimiranza e sinergia". 

Qualche numero: il potenziale produttivo del Pinot Grigio nel mondo è pari a 57.000 ettari. Il 43% di questo vigneto è concentrato nelle aree viticole di Trentino, Friuli Venezia Giulia e Veneto. I dati produttivi del Pinot Grigio nel Nord est (dati 2016), contano 24.000 ettari di cui 13.500 in Veneto, 7.100 in Friuli e 2.900 in Trentino. La produzione di vino è pari a 1.900.000 hl pari a 250 milioni di bottiglie. Il 96%viene esportato (il presidente ICE Scannavini, ieri nel discorso inaugurale di Vinitaly ha ricordato come l’export del vino in Italia rappresenta il 16.4% delle esportazioni con un controvalore pari a 5,6 M€.), soprattutto nel Regno Unito, in Germania e USA.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Trentino rispetto a Veneto e Friuli in termini di potenziale produttivo è la realtà meno sviluppata e anche per il futuro non si ipotizzano realisticamente importanti incrementi del vigneto trentino, diversamente da quanto invece succede in Veneto e Friuli dove l’incremento del vigneto di pinot Grigio registra aumenti superiori al 20% anno. I nostri produttori rappresentano però un fondamentale tassello del mercato e dell’export del Pinot Grigio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento