rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia Centro storico / Via del Brennero

Tirolo: in vigore da domani il divieto di transito settoriale bocciato dall'Europa

Il Governo austriaco ha annunciato di aver raggiunto un compromesso escludendo dal divieto i Tir Euro 4. "Quella clausola c'era già" spiega il presidente degli autotrasportatori altoatesini Elmar Morandell

Dovrebbbe entrare in vigore domani, martedì 1 novembre 2016, il divieto di transito settoriale in Tirolo, voluto dal governo locale ma già bocciato due volte dalla Corte europea. Sembra che la soluzione sia stata trovata con un compromesso che prevede un'entrata in vigore molto graduale in attesa dell'accertamento definitivo sui risvolti giuridici che tale divieto comporta a livello europeo. 

Il compromesso riguarderebbe l'esclusione dal divieto dei mezzi pesanti di classe euro 4, ovvero  a basse emissioni. L'esclusione però, come spiega Elmar Morandell, presidente dei Trasportatori merci Lvh.Apa, era già  prevista nella prima stesura. Nulla è cambiato dunque, rispetto alla pima versione bocciata dall'Europa. 

Visto che le ragioni del divieto sono, apparentemente, di ordine ambientale molte associazioni di categoria hanno chiesto di considerare solamente la tipologia di veicolo, e non la merce trasportata. Questa  la  tesi condivisa anche da Lvh.Apa : "Di fatto dovrebbe valere il principio del chi inquina, paga – ha chiarito Morandell -. Ad esempio, in considerazione dei pedaggi più alti per chi inquina, a partire dal 2017 non ci saranno più vecchi mezzi inquinanti nel tratto autostradale tra Innsbruck e Kufstein. Qualcosa di simile avviene già sull'Autostrada del Brennero A13, per la precisione nel tratto tra il Brennero ed Innsbruck: qui i camion che si rendono protagonisti delle emissioni maggiori devono pagare una vignetta più cara." 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirolo: in vigore da domani il divieto di transito settoriale bocciato dall'Europa

TrentoToday è in caricamento