rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Economia Centro storico / Via delle Orfane

Inps: dimezzate le ispezioni ed i contenziosi

Una fotografia del Trentino arriva dai dati forniti al Consiglio provinciale dal direttore regionale dell'Inps Marco Zanotelli: un trentino su quattro è pensionato, merito anche della maggiore contribuzione, mentre i lavoratori sono 250mila, ma solo la metà sono dipendenti

Un abitante su quattro è pensionato, le piccole imprese non sono poi così piccole ed il contenzioso praticamente non esiste: a fornire una fotografia della situazione economico-sociale del Trentino è stato, nella sua relazione di ieri al Consiglio provinciale, il dirigente regionale dell'Inps Marco Zanotelli. Attraverso le casse dell'ente previdenziale passa circa il 13,4% del Pil trentino, ha ricordato, con 15mila aziende iscritte, 251mila lavoratori e 161mila pensionati. Nel 2013 sono state erogate pensioni per 2 miliardi e 157 milioni di euro: in Trentino il tasso di pensioni è più alto della media nazionale "anche perchè si pagano maggiormente i contributi" ha spiegato Zanotelli. I pensionati sono 25,3 ogni cento abitanti che percepiscono in media 1368 euro al mese.

Riguardo a lavoro ed imprese si segnala una a contrazione dei contratti a tempo indeterminato dello 0,7% in meno in un anno, ma meno che in altre regioni. Segnali più preoccupanti vengono dalla crescita della cassa in deroga, ripartita quest'anno dopo essere calata nel 2013, e dal numero di domande di disoccupazione: erano 14mila nel 2008 ed hanno raggiunto le 25mila nel 2013, idem per le domande di mobilità da 610 a 992. I lavoratori nel privato sono 205mila, di cui più della metà, 131mila, sono dipendenti. Nel pubblico lavorano invece 46mila trentini.

Imprese troppo piccole? Non è così. A livello nazionale l'86,6% delle aziende è formato da microattività da noi è l'84%. La media impresa costituisce l'1,9% del totale contro l'1,5% nazionale. Il tasso di natalità delle imprese è in leggera crescita nel 2013 è stato in leggera crescita. Le procedure di contenzioso con l'Inps sono quasi nulle: Gli imprenditori trentini vogliono mettersi a posto. Il contenzioso enorme che si riscontra a livello a nazionale qui non c'è".

Il numero delle visite degli ispettori Inps è calato è sceso negli ultimi anni (dalle 847 del 2010 alle 461 del 2012. Nel primo semestre sono state 320) Visite in calo, secondo il direttore Inps, perché i dati sono già in possesso degli uffici di controllo che li possono verificare con incroci delle banche dati. "Quindi – ha aggiunto Zanotelli - non si va più a vista. Le 821 imprese visitate nel 2013 sono state visitate quasi tutte in modo mirato". I contenziosi giudiziari sono stati, nel primo semestre 2014, 215.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inps: dimezzate le ispezioni ed i contenziosi

TrentoToday è in caricamento