I panificatori: "Calo della produzione anche del 60%, ma non ci fermiamo"

Il presidente dei Panificatori trentini: "UN plauso a chi garantisce pane fresco ogni giorno, servono aiuti dallo Stato"

"E' un periodo drammatico, ma non ci fermiamo". A parlare sono i panificatori trentini, per voce del presidente dell'associazione di categoria Emanuele Bonafini. "Vorrei ringraziare esplicitamente tutte le nostre aziende della panificazione della provincia perché riescono a garantire con il loro lavoro la presenza sulle tavole dei trentini del pane fresco. Per questo è necessario un grande plauso ai titolari ed ai loro dipendenti che con responsabilità e sacrificio si dedicano al proprio lavoro" ha detto.

Il calo, in certe zone turistiche dove la stagione invernale è stata bruscamente interrotta dall'emergenza, il calo è pari ai due terzi della normale produzione. "Il servizio però non è mai venuto a mancare. La preoccupazione maggiore delle imprese è poter lavorare e muoversi per garantire le consegne. Il bilancio dovremmo farlo una volta conclusa questa vicenda, o comunque quando saremo fuori dalla zona di emergenza" spiega Bonafini. Le richieste sono quelle che arrivano da tutte le realtà della produzione e del commercio: sospensione di tasse e mutui, cassa integrazione ed aiuti per ripartire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento