Chiude il Mercatone Uno di San Michele, Filcams: "Qui non vale l'accordo col Ministero"

AGGIORNAMENTO, L'AZIENDA SMENTISCE: "NESsuNA CHIUSURA" clicca qui...

Dopo la notizia della chiusura del Mercatone Uno di San Michele all'Adige si è svolta ieri un'assemblea con i 62 dipendenti del punto vendita rotaliano ed i rappresentanti della Cgil Filcams. La preoccupazione maggiore nasce dal fatto che i dipendenti trentini non rientrerebbero nell'accordo firmato dall'azienda in sede ministeriale che garantisce ai lavoratori di Mercatone Uno nel resto d'italia 13 i punti vendita chiusi negli ultimi sei mesi) cassa integrazione e contratto di solidarietà.

"Questo è dovuto al buon andamento del negozio di San Michele che risulta essere l'eccellenza del gruppo per fatturato" spiega Alessandro Stella della Filcams che riferisce anche dell'annuncio da parte del nuovo presidente del CdA di voler salvaguardare l'occupazione, "anche se per via del concordato non sono state pagate le spettanze ai lavoratori posti in CIGS e che i primi dicianove giorni del mese di gennaio non saranno retribuiti". Nel frattempo continua a far discutere l'ipotesi di costruire, proprio a due passi dal grande punto vendita che sta chiudendo i battenti, il futuro centro commerciale delle Masere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

Torna su
TrentoToday è in caricamento