menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CCLM: 24 dipendenti rischiano il posto di lavoro. Appello a Schelfi

"Di fronte a questa nuova crisi aziendale - avvertono i segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil - è indispensabile che la Cooperazione si attivi per evitare la perdita di ulteriori posti di lavoro"

I dipendenti dell'unità produttiva di Trento della Cooperativa di Costruttori Lavoranti Muratori rischiano di perdere il lavoro. La cooperativa con sede a Milano nella nostra provincia occupa 24 lavoratori. Cclm nel 2008 aveva affittato infatti il ramo d'azienda della società Trentostrade, ora definitivamente chiusa. Il contratto di affitto è scaduto il 30 giugno e, fino ad oggi, Cclm non ha inteso perfezionare l'acquisto del ramo d'azienda.  Ciò implica, a quanto sostiene la coop, che i 24 addetti impiegati a Trento e provenienti dalla Trentostrade, resteranno a breve senza lavoro ed il loro destino verrà legato alla procedura concorsuale che ha interessato l'ormai cessata Trentostrade srl e che ha già portato ad un concordato preventivo per il quale la società sta pagando i debiti pregressi.

«Di fronte a questa nuova crisi aziendale – avvertono i segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, Gianni Tomasi, Stefano Pisetta e Maurizio Zabbeni – è indispensabile che la Cooperazione si attivi per evitare la perdita di ulteriori posti di lavoro. Per questo motivo abbiamo già chiesto un incontro urgente con il presidente di Ftcoop, Diego Schelfi. Tra l'altro, mentre questa nuova tegola si abbatte sul settore e su altre famiglie di lavoratori dell'edilizia, la Cooperativa Selciatori è ufficialmente in amministrazione coatta e i lavoratori dovrebbero poter accedere, una volta che la coop sarà ammessa alla procedura concorsuale, a dodici mesi di cassa integrazione straordinaria. In totale le famiglie coinvolte da queste due crisi aziendali sono circa cento».  Intanto, giovedì 12 luglio è previsto un incontro tra i tre sindacati degli edili di Cgil Cisl Uil, i vertici della Cclm e con il commissario liquidatore della Trentostrade, per verificare quali possibilità sussistono per tutelare al massimo livello i lavoratori coinvolti. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento