Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia San Giuseppe / Via dei Muredei

Cassa integrazione finita, i sindacati: "Intervenga la Provincia, servono 15 milioni"

Bolzano ha già stanziato 20 milioni di euro, Trento non si muove. La denuncia dei sindacati: "In tre mesi esaurita la cassa integrazione di tre anni"

Cassa integrazione finita: Bolzano ha già stanziato 20 milioni di euro, mentre Trento non si muove. Questa la denuncia dei sindacati trntini che chiedono alla Provincia di intervenire con uno stanziamento da 10-15 milioni di euro per anticipare alle imprese del terziario le 8 settimane aggiuntive che permetterebbero di "trattenere il fiato" fino all'autunno. 

"Molte aziende del settore ricettivo, commerciale e della ristorazione sono arrivate al limite di utilizzo delle 18 settimane di cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 previste dal decreto Cura Italia" denunciano i segretari generali di Cgil Cisl Uil del Trentino, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti. In tre mesi, spiegano, sono state utilizzate le ore pari ai tre anni della grande recessione 2009-2011.

“Per affrontare l’autunno – concludono i segretari generali di Cgil Cisl Uil – serve un piano per le politiche attive del lavoro con percorsi formativi professionalizzanti, progetti di riqualificazione, servizi alla ricollocazione e interventi sui lavori socialmente utili in modo da dare una risposta concreta alle migliaia di persone che rischiano di restare senza un lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione finita, i sindacati: "Intervenga la Provincia, servono 15 milioni"

TrentoToday è in caricamento