menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel 2020 prezzi in calo a livello nazionale, ma in Trentino c'è un lieve aumento

I dati dell'Isat sono in controtendenza con quanto avviene, mediamente, a livello nazionale

Nemmeno la pandemia è riuscita ad invertire l'andamento dell'inflazione in quella che è da sempre una delle città più care d'italia: mentre il tasso medio dell'indice dei prezzi al consumo nazionale nel corso del 2020 è negativo (-0,2%) a Trento si registra ancora un valore di poco sopra allo zero, ovvero 0,3%. Questo emerge dai dati dell'Istituto Provinciale di Statistica, aggiornati a dicembre 2020. L'Unione Consumatori, del resto, aveva già lanciato l'allarme a settembre.

L'indice è calcolato sulle famiglie di operai ed impiegati, che rappresentano la stragrande maggioranza delle famiglie, e la variazione è calcolata sull'anno precedente. A registrare l'aumento più significativo è la categoria più essenziale tra le voci di spesa prese in esame: prodotti alimentari e bevande alcoliche mostrano un aumento del tasso medio pari al 2,5%. In compenso è diminuito l'indice dei prezzi per il settore counicazioni, che in provincia di Trento ha egistrato un -5,8%. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, cosa cambierà?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, sintesi del nuovo Dpcm

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, un altro lutto e +220 contagi

  • Attualità

    Sicor, sostegno da "tute blu" e studenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento