menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollette luce e gas, aumenti previsti in aprile: i trucchi per risparmiare

Si alzano del 3,8 e del 3,9% le bollette di luce e gas. Come attutire il colpo e con alcuni accorgimenti che evitano gli sprechi

Lo ha annunciato Arera, sono previsti aumenti delle tariffe per luce e gas a partire dal mese di aprile. Un altro "colpo" per moltissime famiglie italiane che già si trovano a vivere le conseguenze delle restrizioni anti-contagio da coronavirus. L'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente ha annunciato per il prossimo mese un aumento del +3,8% per l'elettricità e del +3,9% per il gas. Una nuova stangata che ha immediatamente innescato le proteste delle associazioni dei consumatori.

Aumento di 60 euro l'anno

Secondo uno studio dell'Unione Nazionale Consumatori, per una famiglia tipo significa spendere su base annua 21 euro in più per la luce e 39 euro per il gas. Una maggior spesa complessiva pari, quindi, a 60 euro. «Una doccia fredda per i consumatori! Una pessima notizia! Un rialzo non può che mandare in tilt i bilanci delle famiglie già in difficoltà per via dell’emergenza Covid» afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unc (Unione nazionale consumatori). «Per questo avevamo proposto all’inizio della pandemia di ridurre l’Iva sul gas al 10% sull’intero consumo e non solo sui primi 480 Smc annuali come è attualmente. Lo chiediamo ora anche al Governo Draghi».

A parlare di nuova stangata è anche il Codacons: «Le bollette energetiche degli italiani risultano così tra le più alte d’Europa, e sulla spesa degli italiani per luce e gas pesa una tassazione oramai insostenibile: quasi la metà della bolletta del gas se ne andrà dall’1 aprile per oneri e imposte (il 43,1%), mentre per l’elettricità la tassazione pesa per il 33,1% su ogni fattura».

«Il Governo Draghi deve mettere subito mano al settore» ha sottolineato il presidente Carlo Rienzi «riducendo oneri di sistema e imposte che gravano come un macigno sulla spesa energetica degli italiani, impoverendo ulteriormente le famiglie, specie quelle numerose e a reddito medio-basso, già colpite dalla crisi economica causata dalla pandemia».

I consigli per risparmiare

Spese in aumento anche in un momento critico per le entrate di moltissimi. Il presidente di Consumerismo, Luigi Gabriele, ha spiegato che: «Gli italiani pagano bollette energetiche tra le più alte d’Europa, a causa di speculazioni sui mercati all’ingrosso e di una tassazione eccessiva.Un trend al rialzo delle tariffe che prosegue da mesi e che impoverisce le famiglie numerose e quelle a basso reddito. C’è poi la questione, sempre più attuale considerati i limiti agli spostamenti, dell’impossibilità di sospendere a tempo determinato le forniture, ad esempio per le seconde case per le quali gli utenti pagano bollette e relative imposte anche in assenza di consumi. In tal senso chiediamo al Governo Draghi una riforma che consenta agli utenti di sospendere senza costi le forniture di luce e gas per periodi limitati di tempo, in modo da alleggerire la spesa delle famiglie; possibilità oggi realizzabile grazie ai contatori elettronici (per i quali sono stati spesi in Italia 14 miliardi di euro) e alla tecnologia».

Nonostante gli aumenti, esistono alcuni 'trucchi' e accorgimenti che possono aiutare i consumatori a risparmiare sulle bollette. I consigli utili stilati da Consumerismo No profit per evitare sprechi e ridurre le spese:

 Apparecchi elettrici: evitare di lasciarli sempre in stand-by e staccare i caricabatterie dalla spina quando non vengono utilizzati: si può risparmiare fino a 56 euro all'anno.

Elettrodomestici: avviare quelli ad alto consumo nelle ore serali, nei weekend, o quando le tariffe elettriche sono più basse;

Illuminazione: sfruttare la luce del sole aprendo le tende e le tapparelle, spegnere le luci nelle stanze non occupate, utilizzare lampadine a risparmio energetico: si risparmia fino a 30 euro all’anno.

Condizionatori: vanno impostati sulla giusta temperatura e usati solo quando necessario, preferendo il deumidificatore che abbatte i consumi; mantenere sempre puliti i filtri e tenere le finestre chiuse isolando correttamente la casa, si risparmia circa  50 euro l’anno;

Frigoriferi: mantenere il frigo distanziato di almeno 20 cm dalle parete, per favorire l’aerazione; non riempirlo eccessivamente e regolare la temperatura sui 6°C. Scegliere modelli ad elevato risparmio energetico: si risparmia fino a 23 euro l’anno; 

Lavatrici: abbassando la temperatura del lavaggio a 60° si arriva a risparmiare circa 3 euro a bolletta ottenendo risultati analoghi a quelli di un ciclo a 90°.  Sostituire il prelavaggio avviando la lavatrice per una decina di minuti per poi spegnerla e lasciare i panni in ammollo per un’ora fa risparmiare 1/3 del consumo elettrico.

Lavastoviglie: una lavastoviglie di classe energetica A+++ farà risparmiare fino a 30 euro all’anno. Evitare i lavaggi lunghi che consumano troppa elettricità, scegliere piuttosto il programma ecologico che riduce i tempi e diminuisce il consumo energetico della lavastoviglie. Riempire al massimo il cestello, limitare la quantità di detersivo e togliere i residui del cibo prima di porre i piatti all’interno, sono altre piccole astuzie da adottare per sprecare meno acqua ed energia elettrica fino a 18 euro all’anno;

Aspirapolvere: spegnerlo durante i tempi morti delle pulizie che non richiedono aspirazione; meglio evitare la funzione turbo che aggrava il dispendio energetico;

Televisori: calibrare adeguatamente colori e luminosità e usare la funzione eco-mode per ridurre automaticamente i consumi del 20%.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Sanità, gli ospedali di Borgo e Tione liberi dal Covid

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi e +85 nuovi contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento