Appalti: da oggi aggiornare l'elenco sarà compito delle imprese

Approvate oggi alcune modifiche della normativa sugli appalti in seguito alla discussione avvenuta all'interno dell'apposito tavolo di lavoro

Modifiche nella normativa provinciale sugli appalti: saranno le imprese a dover costantemente aggiornare l'aposito elenco telematico, finora gestito dalla Provincia, comunicando variazioni di status giuridico, sede e rappresentanti legali. Fino ad oggi il compito spettava alla pubblica amministrazione, ma la nuova norma fa ricadere sulle aziende l'onere di aggiornare le proprie informazioni, visto che l'iscrizione è volontaria.

Altre novità in vista: per quanto riguarda le spese in economia, è stato innalzato il numero di imprese da invitare ai confronti concorrenziali e nei cottimi, rispettivamente da dodici a venti e da sette a dodici, fatti salvi i casi di opere specialistiche in cui non ci siano aspiranti idonei in tal numero. La decisione mira a garantire una più ampia partecipazione alle gare delle piccole e medie imprese, in coerenza con le politiche comunitarie. 

Si è deciso inoltre di spostare al 31 dicembre 2016 il periodo transitorio di applicazione del Libro del personale ai fini della sicurezza e della regolarità del lavoro. L’ulteriore slittamento del periodo transitorio di applicazione in via ordinaria del Libro del personale ai fini della sicurezza e della regolarità del lavoro, risponde all’esigenza di coordinare questo istituto con l’attivazione dell’Osservatorio dei cantieri edili pubblici e privati, a cura della Cassa edile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento