menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mela e piccoli frutti: 2,5 milioni di euro in ricerca per garantire 1500 posti di lavoro

Maxicontributo al Centro Innovazione Frutta in cambio del mantenimento della sede legale fino al 2029 e soprattutto dei livelli occupazionali, ma solo fino al 2018, dei tre consorzi aderenti ad Apot: Melinda, La Trentina, Valli Trentine. Il progetto riguarda anche i piccoli frutti

Piano quinquennale di ricerca per il Consorzio Innovazione Frutta Srl, centro di innovazione del settore agricolo partecipato da Fondazione Edmund Mach e, a maggioranza, da Apot, associazione che a sua volta riunisce i consorzi dei produttori di mele del Trentino (Melinda, Valli Trentine, La Trentina). La Provincia metterà a disposizione un contributo di 2.53.160 euro erogabile in 5 anni, su una spesa massima di 3.866.400 euro, per il progetto di ricerca "Apple & Berry", ovvero mela e piccoli frutti, la cui conclusione è prevista nel 2019.

Il progetto viene realizzato dal CIF in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige e terminertà entro il luglio 2018: al momento il CIF ha già raddoppiato i ricercatori occupati, passati da 2 a 4, impegnandosi a mantenerli almeno fino al 2021. Ma soprattutto, il sistema produttivo organizzato in ambito APOT si è impegnato a mantenere, per la durata del progetto (cioè fino a tutto il 2018) e per i 5 anni successivi, il livello occupazionale di 1521 addetti ai tre consorzi aderenti, oltre ad ospitare 30 tirocinanti nell’ambito del programma “Garanzia Giovani”.

CIF e APOT in cambio si sono impegnate a mantenere la sede legale in Trentino fino a dieci anni dopo la conclusione dell progetto, ovvero fino al 2029, continuanndo ad esercitare attività di ricerca sul territorio. Infine, Il Consorzio si impegna a raggiungere a fine progetto,  un livello di patrimonializzazione non inferiore al 30%, e a mantenere questo livello per due esercizi successivi. Annualmente, e per cinque anni successivi alla sottoscrizione dell’accordo, le parti firmatarie si incontreranno per una verifica sulla stato di avanzamento del progetto, del piano industriale ed occupazionale e sulle risultanze dell’accordo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento