Grandine in Vallagarina: persi 30mila quintali d'uva. Aiuti provinciali

Nelle aree della Vallagarina danneggiate in modo totale, la Fondazione Mach consiglia ai viticoltori che già avevano intenzione di rinnovare il vigneto, di estirparlo e sostituirlo completamente nella primavera 2013

Aiuti ai viticolatori con un'assicurazione agevolata per la grandinata del 20 luglio scorso in Vallagarina, che ha causato una perdita di prodotto compresa fra 25.000 e 30.000 quintali di uva. Secondo l'indagine svolta dalla Fondazione Mach di San Michele all'Adige su indicazione della Provincia, i Comuni colpiti sono stati quelli di Castellano, Pedersano, Savignano, Nogaredo, Nomi, Villalagarina, Calliano, Besenello e Volano. Nelle zone più segnate dalla grandinata (100-120 ettari) il danno alla produzione per il 2012 è del 100%: le viti sono completamente defogliate, i tralci decorticati e i grappoli irrimediabilmente compromessi.

In questi vigneti l'obiettivo più immediato è di cercare di completare la maturazione fisiologica (lignificazione) dei tralci per garantire il rinnovo per l'annata 2013 mediante la potatura invernale. Ma è ovviamente elevata la possibilità che sia compromessa anche la vendemmia del prossimo anno, perché se le gemme a fiore responsabili della produzione del prossimo anno sono danneggiate, la produzione sarà compromessa. Un evento di simile intensità aveva colpito nel 1998 la frazione Pochi nel Comune di Salorno: la produzione del 1999 si attestò su un valore massimo del 30% del potenziale. Per questo, nelle aree della Vallagarina danneggiate in modo totale, la Fondazione Mach consiglia ai viticoltori che già avevano intenzione di rinnovare il vigneto, di estirparlo e sostituirlo completamente nella primavera 2013.
 
Nelle stesse zone colpite dalla grandine in modo meno intenso, per circa 150-170 ettari, il danno si attesta su valori che variano fra il 40% e l'80%, mentre per ulteriori 150-170 ettari il danno è fra il 10% e il 40%. In questo caso è in parte compromessa la produzione del 2012, che potrà essere recuperata parzialmente dal punto di vista quantitativo a patto che le condizioni climatiche da oggi fino alla vendemmia non siano eccessivamente umide o piovose. In queste aree la produzione 2013 è comunque garantita.
 
Le realtà più colpite sono la cantina Vivallis e la consociata cantina di Nomi, a cui si stima possa mancare tra il 15 e il 20% della produzione. Il danno si riflette sui costi fissi e, a cascata, sul territori e sui soci, anche quelli non colpiti direttamente dalla grandinata. Di qui la decisione della Giunta provinciale di attivare attraverso il Codipra di Trento una assicurazione agevolata.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento