Aeroporto di Bolzano: il progetto resta a terra

Sembra allontanarsi sempre più l'ipotesi di un prolungamento della pista che avrebbe permesso all'aeroporto di Bolzano di poter ospitare voli a lunga tratta. Il Consiglio di Stato rigetta i requisiti di urgenza e rimanda all'udienza di maggio

Si allontana sempre di più l'ipotesi di poter ospitare in regione voli a lunga tratta: il Consiglio di Stato non ha riconosciuto i requisiti di gravità e urgenza avanzati dalla società Abd, gestore dell'aeroporto di Bolzano, per il prolungamento della pista. Il progetto ha sempre visto l'opposizione del Comune di Laives, sul quale insiste la struttura, oltre naturalmente al dissenso di molti ambientalisti, ma il "sogno" di avere in regione un aeroporto veramente internazionale (ci sono per ora solo voli per l'Austria) ha affascinato molti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto aveva ottenuto l'approvazione dell'Enac, l'ente nazionale dell'aviazione civile, poi la sentenza del Tar, la sospensione e quindi il ricorso al Consiglio di Stato. nel frattempo la Abd ha presentato un piano di rilancio, con forti sovvenzioni provinciali, lo scorso febbraio. La prossima udienza del consiglio di Stato è convocata per il mese di maggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento