rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
TrentoToday

Degasperi è vicecampione italiano nel Civm

La sessantasettesima edizione della Cronoscalata Coppa Nissena consacra il pilota di Trento, secondo assoluto nella massima serie tricolore per la velocità in salita.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Diego Degasperi c'è e dopo aver messo sotto chiave il titolo in gruppo E2SS ed in classe E2SS3000 il pilota di Trento si è cucito sul petto, alla recente Cronoscalata Coppa Nissena, il titolo di vicecampione italiano per la velocità in salita. Al via dell'ultima finale, delle tre previste dal calendario 2022 del Campionato Italiano Velocità Montagna, il pilota di Trento si presentava con sei lunghezze da difendere dal ritorno di un mai domo Lombardi, capace di sfruttare al meglio il passo falso del diretto rivale nella precedente Cronoscalata Monte Erice dove quest'ultimo chiudeva con un'opaca ottava piazza finale. Consapevole di non potersi concedere un altro passo falso il portacolori della scuderia Vimotorsport, alla guida della Osella FA30/GEA curata dal Team Faggioli, partiva a testa bassa sin dalla prima sessione di prove, firmando il terzo tempo assoluto, ad un decimo dal secondo. Che il tracciato di Caltanissetta gli fosse congeniale lo si notava anche dalla seconda tornata del Sabato, al traguardo secondo nella generale con 2”11 di gap dal caposquadra Faggioli.

"Dopo una Monte Erice sotto le aspettative - racconta Degasperi - sapevamo di non poter lasciare nulla al caso qui quindi siamo partiti a tutta, fin dalle libere del Sabato. Questo tracciato è molto veloce ed in questo contesto sapevo di poter dire la mia. Lombardi aveva giocato il suo jolly ad Erice quindi noi non potevamo sbagliare qui. Sulla seconda prova mi sono sorpreso da solo perché ho preso poco più di due secondi da Simone Faggioli, chiudendo secondo assoluto. Un tempo incredibile e che mi ha dato una carica pazzesca per le due di Domenica".

Al via di gara 1 Degasperi lamentava un problema di pattinamento, non riuscendo a scaricare a terra tutta la cavalleria e perdendo qualche secondo di troppo, comunque non sufficienti per consentire al diretto rivale, nella corsa al titolo di vicecampione, di precederlo in classifica. Quinto assoluto all'arrivo, primo di gruppo E2SS e di classe E2SS3000, il trentino sapeva di non poter abbassare la guardia ed ecco che, in un notevole stato di grazia, pur lamentando ancora qualche noia in partenza il cronometro sanciva un secondo tempo assoluto, a più 2”43 dal solo Faggioli, che si traduceva nel meritato titolo di vicecampione italiano della velocità in salita, da aggiungere al titolo di gruppo e di classe con ben due gare di anticipo sul calendario.

"A parte quella fatica a partire dallo start - aggiunge Degasperi - la nostra vettura si è comportata in modo egregio. Non abbiamo modificato praticamente nulla, per quanto riguarda l'assetto, e quel problema al via era più collegato alla scivolosità dell'asfalto che ad altro. Dopo una gara 1 che non è andata come volevamo devo dire che mi sono scatenato sulla seconda. È stata una salita stratosferica perchè chiudere a poco più di due secondi da Simone Faggioli è alla pari di una vittoria. Siamo vicecampioni italiani e con Simone abbiamo fatto doppietta per il nostro team. È stata una stagione incredibile, primi di classe e di gruppo con due gare di anticipo, ed ora anche vicecampioni. Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto. Dedico questo titolo a Luca Mazzalai, pilota di Trento che amavamo tutti, prematuramente scomparso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degasperi è vicecampione italiano nel Civm

TrentoToday è in caricamento