Gambero Rosso 2018: ecco i 12 vini trentini

Crescono le eccellenze trentine, ancora poche rispetto alle 27 altoatesine per non parlare delle 77 piemontesi e delle 75 toscane

Sono stati presentatti ieri, domenica 22 ottobre, con una grande degustazione all'Hotel Sheraton di Roma i vini italiani che hanno ottenuto il riconoscimento dei "tre bicchieri" nella Guida ai Vini d'Italia del Gambero Rosso 2018. Un'Italia all'interno della quale il vino Trentino cresce conquistando il suo record personale: 12 premiati rispetto ai 10 dell'anno scorso. Due eccellenze in più che contribuiscono in parte a recuperare terreno rispetto all vicino Alto Adige che, come l'anno scorso e come ormai da molti anni, ha conquistato anche per il 2018 ben 27 vini insigniti dei "tre bicchieri". Numeri comunque molto distanti dai 77 premiati piemontesi, dai 75 toscani e perfino dai 41 veneti.

Ecco dunque i vini del Trentino premiati con Tre Bicchieri

Ritratto Rosso ’13 - La Vis - Valle di Cembra

San Leonardo ’13 - Tenuta San Leonardo

Teroldego Rotaliano ’15 - De Vescovi Ulzbach

Teroldego Rotaliano Pini ’13 - Roberto Zeni

Trento Brut Rotari Flavio Ris. ’09 - Mezzacorona

Trento Brut Altemasi Graal Ris. ’10 - Cavit

Trento Brut Conte Federico Ris. ’12 - Bossi Fedrigotti

Trento Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore ’06 - Ferrari

Trento Brut Rosé +4 ’09 - Letrari

Trento Dosaggio Zero Ris. ’12 - Maso Martis

Trento Opera Nature ’11 - Opera

Trento Pas Dosé Balter Ris. ’11 – Nicola Balter

Un settore trainato, come sempre, le bollicine, ma c'è posto anche, come sempre, per il Rosso San Leonardo, alla sua ottava menzione nella guida. Un rosso  a sè, sicuramente particolare e "di confine", anche in senso geografico. Tra i rissoi spunta quest'anno "Rotratto '13" della cantina La Vis-Valle di Cembra, "spunto per celebrare lo stato di grazia del mondo cooperativo" scrivono gli autori della presentazione. 

"Evidentemente qualcosa si muove in un panorama dalle grandi potenzialità che in passato abbiamo criticato per una certa inerzia e l'apparente staticità - si  legge nella presentazione -  ci sembra che si stia ormai ricomponendo la dicotomia tra piccoli vignaioli e strutture sociali, che da piccoli vignaioli sono costituite: non più due mondi opposti che si guardano in tralice ma due facce della stessa medaglia".

Le sempre più citate bollicine trentine non riescono però ad ottenere il premio come Bollicine  dell'Anno, che va al Marcalberto Extra Brut Millesimo2Mila12 della cantina cuneese di Piero Cane. Tra i premi speciali il vicepresidente delle Cantine Ferrari, Marcello Lunelli, ha vinto quello dedicato alla Viticoltura Sostenibile grazie alla certificazione bio dell'intera azienda ed all'impegno in tal senso anche da parte dei soci conferitori con il Protocollo Ferrari di Viticoltura di Montagna e Salubre. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un rombo fortissimo, aerei da guerra sopra Trento: ecco perchè

  • Tragico incidente, motociclista morto, due feriti e veicoli carbonizzati a Nomi

  • Ha un malore alla guida mentre è al telefono con la moglie, si schianta e precipita in un dirupo: morto

  • Fermati al casello A22 con 12 chili di cocaina: trafficanti traditi dai calzini

  • Frecce Tricolori: spettacolo nei cieli di Trento

  • Lago di Garda, ecco il progetto della prima pista ciclabile subacquea del mondo

Torna su
TrentoToday è in caricamento