menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zelten: il "pane" natalizio trentino, ecco la ricetta

Pane o torta che sia, che derivi dai celti o che avesse funzioni di "provvista" per il viaggio Natale non sarebbe tale senza lo Zelten, il dolce tipico trentino

Una torta? Un pane farcito? Con i canditi o con la frutta secca? E perchè no: con entrambi! Che cosa sia lo Zelten non è affatto una questione risolta: è il dolce trentino natalizio per eccellenza, questo è sicuro, ma la ricetta ha molte varianti. Chi lo preferisce morbido, chi più secco, il classico tondo oppure quadrato, o a forma di cuore: il segreto è che, come il pane, è buono anche molti giorni dopo la cottura. Potrebbe essere proprio questo il segreto del successo dello Zelten, nato come pane "da viaggio": sostanzioso e buono anche da secco, come lo shortbread, il "pane" dolce dei pastori scozzesi. Il termine "zelt" (tenda, campo) ricorrente nel nome del dolce potrebbe far pensare a questa funzione, oppure potrebbe mettere in relazione l'antica ricetta con i celti: in questo caso lo Zelten trentino rientrerebbe di diritto tra le varianti di "pane celtico" presenti anche in Italia. A Rimini un dolce molto simile si chiama la "piada dei morti" e viene consumato nella notte di Ognissanti, il capodanno celtico diventato festività dei defunti nella tradizione cristiana. In ogni caso nessuna analisi storica ed etimologica può descrivere l'esperienza che si prova nell'addentare una fetta di Zelten appena sfornato, magari alla Vigilia di Natale. Ecco quindi la ricetta (da bravi giornalisti non sveleremo la fonte):

Ingredienti

1/2 Kg di farina
250 g  di zucchero
2 uova
100 g di burro a temperatura ambiente
1/4 di litro di latte
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale

frutta seccca e canditi (vedi sotto)

- impastare farina, burro, rossi d'uovo, zucchero, latte e lievito
- aggiungere le due chiare d'uovo montate a neve con un pizzico di sale
- aggiungere noci a pezzettini, pinoli, canditi di cedro e fichi secchi (precedentemente lasciati a bagno nella grappa per 24 ore)
- stendere l'impasto fino a formare un disco sottile aggiungendo ciliegie candite, mandorle e noci sgusciate sulla sommità
- far cuocere in una telia imburrata a 180° per 45 minuti aggiungendo con un pennello una mistura di latte e zucchero sulla superficie della torta

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento