Altipiani Cimbri: nasce la prima Comunità Slow Food del Trentino

Una delle trenta comunità in Italia, formata da agricoltori del posto. Prodotto principale: il porro di Nosellari-Olttresommo

“Parlare di comunità significa parlare di gruppi di persone legate tra loro dalla sicurezza affettiva”. Con queste parole Carlin Petrini, storico fondatore di Slow Food, dà il benvenuto con una lettera alla Comunità Slow Food per lo sviluppo Agroculturale degli Altipiani Cimbri. La prima Comunità Slow Food del Trentino Alto Adige (e una delle prime trenta in Italia) fondata da agricoltori, allevatori, ristoratori e rappresentanti della società civile per riportare al centro la montagna, il problema dello spopolamento che l’attanaglia, l’esigenza di dare un futuro lavorativo ai giovani nelle valli degli Altipiani Cimbri.

Il percorso per la fondazione della comunità inizia circa un anno fa e parte dalla riscoperta di un ortaggio che un tempo caratterizzava le colture della zona di Nosellari, nell’Oltresomo: il porro. I primi contatti con la Condotta Slow Food Vallagarina Alto Garda sono serviti per capire in che modo recuperare questa coltivazione. Ben presto però il fermento delle persone coinvolte e l’urgenza di dare risposte a problemi concreti del territorio ha permesso di individuare nel porro di Nosellari un pretesto per approfondire il nuovo strumento individuato da Slow Food per rispondere alle sfide ambientali, alimentari e climatiche. Lo strumento della Comunità Slow Food che si stanno diffondendo in tutto il mondo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I partecipanti provengono dalle varie aree degli Altipiani Cimbri: da Mezzomonte a Folgaria, da San Sebastiano a Nosellari, da Lavarone a Luserna. Membri del gruppo di coordinamento sono Andrea Incani, Mauro Rocchetti, Stefano Tranchini, Elisabetta Monti, Morena Bertoldi e Matteo Zeni. Portavoce è Graziella Bernardini, titolare insieme al figlio dell’Hotel Mignon di Nosellari, che nel salutare la nascita della Comunità Slow Food ricorda che “questa scelta è anche l’impegno di essere degli apripista di una cultura che non mette al centro solo l’interesse economico e l’individuo, ignorando tutto quello che sta intorno, ma coglie l’interdipendenza delle cose e dei fatti, e sa guardare oltre trovando nella collaborazione e cooperazione tra varie forze ed enti che si muovono su di un territorio, un punto di forza e di appoggio per il raggiungimento di un benessere generale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento