menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assemblea dei soci a Villa Sant'Ignazio: il bilancio 2012 dell'associazione

Le persone sostenute e contattate annualmente sono 340, i partecipanti a corsi di formazione sono più di 1000, mentre gli abbonati al periodico Fractio Panis sono quasi 3500 e le persone contattate in attività culturali sono più di 1000 all'anno

Si è riunita l’Assemblea dei soci di Villa S. Ignazio una delle prime cooperative di solidarietà sociale nate nella nostra provincia. Come di consueto all’ordine del giorno vi è stata l’approvazione del Bilancio consuntivo e preventivo e delle relazioni delle attività svolte nell’esercizio 2012. Il bilancio consuntivo si chiude con segno positivo “grazie al rafforzamento delle attività di autofinanziamento e ad risparmio netto dei costi di energia elettrica dovuti al nuovo impianto fotovoltaico che ha prodotto 42.000 kw/h” ha affermato il responsabile del servizio amministrazione Armando Cattani che termina in questi giorni il suo lavoro tra gli applausi di ringraziamento dei soci, lasciando una situazione di bilancio con un segno positivo di 33.000 euro che va ad incrementare le riserve. Il dato previsionale per l’esercizio in corso tende ad un ottimistico pareggio su 1.500.000 euro.

Miglioramenti significativi anche sul versante organizzativo interno, con un potenziamento delle attività culturali grazie alla nascita dell’ Ufficio Studi in cooperazione con la Fondazione S. Ignazio ed in rapporto con il contesto culturale ed accademico locale, che sta portando già importanti stimoli di riflessione rispetto alle tendenze in atto, con particolare riguardo all’impegno giovanile attraverso il servizio civile. 

Le persone sostenute e contattate annualmente sono 340, i partecipanti a corsi di formazione sono più di 1000, mentre gli abbonati al periodico Fractio Panis sono quasi 3500 e le persone contattate in attività culturali sono più di 1000 all’anno. Il tutto viene gestito dai 42 dipendenti e collaboratori retribuiti e dai 70 volontari. I soci sono 72. I ragazzi in servizio civile e gli obiettori di coscienza in congedo passati dal 1975 ad oggi sono stati più di 260.

Inoltre la Cooperativa ha sostenuto e promosso la nascita di due Cooperative Sociali (Le Coste e Samuele), di 6 Associazioni di volontariato (Amici di Villa S. Ignazio, Bagni Froy, Volontari in Strada, L’Altrastrada, Volontari tutori di minori stranieri e Centro Astalli per i rifugiati) e di due agenzie di formazione (il LED Laboratorio di Educazione al Dialogo e l’Associazione Diaconia della Fede). Oggi quasi tutte queste realtà aderiscono alla Fondazione S. Ignazio promossa dalla Compagnia di Gesù, assieme ad altre organizzazioni senza scopo di lucro che hanno aderito in questi ultimi anni (Il Servizio di Consulenza Pedagogica, l’ Associazione padre Eusebio Chini, il Centro Martino Martini, l’Assoc. Bianconero, L’Assoc. Arkè).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, cosa cambierà?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, sintesi del nuovo Dpcm

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, un altro lutto e +220 contagi

  • Attualità

    Sicor, sostegno da "tute blu" e studenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento