rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Gardolo / Via delle Bettine

Vigili del Fuoco Volontari, bufera su Flaim

Il presidente nel mirino dei comandanti che lo accusano di aver affossato la riforma elettorale. In assemblea bilancio approvato per appena due voti, bocciata la relazione programmatica 2017. Oggi l'incontro tra Flaim e Mellarini

C'è una frattura profonda tra presidenza e base dei Vigili del Fuoco Volontari trentini. Lo testimonia l'assemblea infuocata dei 160 comandanti andata in scena venerdì. Il bilancio è stato approvato per appena 2 voti, mentre è stata addirittura bocciata la relazione programmatica 2017 con la maggioranza dei votanti che ha disertato le urne in segno di protesta.

Un segnale evidente della volontà di rottura e del malessere che serpeggia all'interno della federazione.

Tra i nodi, l'elezione diretta del presidente da parte dei comandanti - promessa da tempo ma mai attuata: oggi il presidente è eletto dai 13 ispettori distrettuali.

I comandanti accusano Flaim, che già aveva ricevuto il mandato di modificare il regolamento per le elezioni, di non avere intenzioni chiare.

Sulla vicenda è intervenuto anche il governatore Ugo Rossi parla che di malumori gravi e di necessità di intervenire presto. 

Niente dimissioni in vista per il presidente dei volontari Flaim che in giornata incontrerà l'assessore Mellarini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del Fuoco Volontari, bufera su Flaim

TrentoToday è in caricamento