Vezzano, munizioni anti-carro tedesche nel cantiere del nuovo parcheggio

Risalgono al 1940 le due casse di munizioni ritrovate durante gli scavi per la realizzazione di un nuovo parcheggio non lontano dal municipio

Sono munizioni anti-carro tedesche in uso alla Wehrmacht durante la Seconda Guerra Mondiale quelle ritrovate durante gli scavi per la realizzazione di un nuovo parcheggio a Vezzano, a pochi passi dalla sede municipale. La notizia è riportata dal quotidiano online Valledeilaghi.it (clicca qui). Si tratta di quasi 3000 proiettili da 2,8 centimetri di diametro, ritrovati casualmente dagli operai, che hanno subito avvertito i carabinieri.

In tutto il territorio provinciale non di rado capita che gli escavatori si imbattano in ordigni bellici inesplosi risalenti alla prima Guerra Mondiale, conficcatisi nel terreno e poi rimasti sepolti per quasi un secolo a qualche metri di profondità. In questo caso però si tratta, come detto, di proiettili risalenti al 1940, inutilizzati e sotterrati per qualche motivo. Dopo il sopralluogo dei carabinieri gli scavi proseguono con estrema cautela e delicatezza alla ricerca di altre munizioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

Torna su
TrentoToday è in caricamento