Mori: un muro per proteggere il paese dalla roccia instabile

Il sindaco Barozzi e l'assessore Mellarini vanno avanti con l'ipotesi del vallo-tomo: un muraglione di rocce lungo 200 metri

Un vallo-tomo, ovvero un muro alto 5 o 6 metri costituito da chiuse in gabbie di ferro, lungo 200 metri. E' questa la  soluzione, emersa dal confronto tra Provincia e Comune, per mettere al sicuro la zona di via Teatro a Mori, minacciata da un diedro di roccia instabile, da 500 metri cubi. Il rogetto è stato presentato ai residenti ed al comitato Davicoloavicolo, che rappresenta gli abitanti dei vicoli che dal paese salgono verso Monte Albano.

Il progetto è stato legggermente ridimensionato rispetto alla prima ipotesi, ed è stato allontanato dalle case di circa 25 metri. Troppo poco per alcuni, in particolare per i consiglieri del Movimento 5 Stelle Renzo Colpo e Nicola Bertolin, che sulla questione hanno presentato un esposto in Procura citando il Comune per la scarsa operatività sulla  questione. L'opera sarebbe di grande impatto paesaggistico, secondo i due consiglieri, ed oltretutto calata dall'alto  con il pretesto dell'urgenza.

"L'ammasso roccioso è lì in quella precaria situazione da secoli e secoli, ma solo ora, nella primavera del 2016, sembra aver deciso di crollare . scrive Bertolini su facebook - Mori è diventata all'improvviso una piccola Stava: negligenza per anni e anni delle amministrazioni locali e provinciali, ed ora improvvisamente, il catastrofico crollo. Ma siamo sicuri che questa è la soluzione giusta? Siamo sicuri che non c'è tempo per decidere e chiamare la popolazione a un progetto partecipato? Non è forse troppo alto il prezzo che Mori pagherà per la precipitosità di questo intervento?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi una nota del Comune annuncia che l'opera si farà, e che "il vallo tomo resta la  soluzione migliore ed è quella che sarà portata avanti" assicura il sindaco Barozzi. "Questo è un intervento che rientra in una legge specifica che norma questi casi - spiega l'assessore Mellarini - se si ricorresse alle sole reti paramassi se ne dovrebbero installare troppe; stiamo parlando  del solo diedro ma nelle vicinanze ci sono molte situazioni simili, seppure meno grandi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

Torna su
TrentoToday è in caricamento