rotate-mobile
Cronaca Ravina / Via Stella

Confindustria: "Valdastico e Tunnel del Brennero non devono essere un tabù"

Il presidente Bonazzi: "Lo sviluppo sostenibile è legato alle infrastrutture, non adeguarle significa semplicemente non riuscire a governare i flussi"

"In Trentino talvolta si ha l’impressione che certi temi, come la Valdastico, siano un tabù. Meglio non parlarne. Intanto i problemi restano e i flussi non si fermano. È sufficiente viaggiare sulla Valsugana per rendersene conto. Siamo invece convinti che solo con un confronto sereno e costruttivo sarà possibile risolvere i problemi attuali delle nostre infrastrutture". Queste le parole del presidente di Confindustria Trento Giulio Bonazzi, tratte dall'editoriale dell'ultimo numero della rivista dell'associazione, consegnata oggi ai soci.

Le infrastrutture da realizzarsi in regione, una su tutte il Tunnel del Brennero, sono state al centro di diversi incontri promossi recentemente da Confidustria Trento. Opere che hanno sollevato dibattiti e proteste. Per Bonazzi "Lo sviluppo equilibrato e sostenibile di un territorio è strettamente legato alla propria rete infrastrutturale".

"Non investire sull’ammodernamento della rete significa semplicemente non riuscire a governare i flussi in maniera adeguata - prosegue il residente -. Il progetto attualmente più importante per il Trentino è, senza dubbio, quello del tunnel del Brennero. Nonostante la sua importanza, da noi se ne parla poco. È un’opportunità da cogliere, ma dobbiamo farlo subito. Il rischio, altrimenti, è di subire decisioni prese altrove". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confindustria: "Valdastico e Tunnel del Brennero non devono essere un tabù"

TrentoToday è in caricamento