rotate-mobile
Marmolada

Valanga a Pian dei Fiacconi: sta bene lo scialpinista estratto dalla neve

È un 30enne della provincia di Padova, trasportato per accertamenti all’ospedale di Cavalese

Quasi 300 metri di lunghezza e una fronte di circa 30 metri: ecco com’era la valanga che si è staccata nella tarda mattinata di martedì 6 novembre sul versante trentino della Marmolada, in zona Pian dei Fiacconi, sotto il Sass Bianchet. Peraltro, sono soltanto 800 i metri che separano l’area di quest’ultima valanga dal luogo del tragico distacco dello scorso 3 luglio. Fortunatamente, in questo caso le cose sono andate diversamente rispetto alla scorsa estate, ma sono stati comunque momenti di assoluta tensione.

La neve, infatti, ha travolto uno scialpinista, un 30enne residente in provincia di Padova, che si trovava in quel momento a quota 2.800 metri. La prontezza di riflessi dei tre compagni che erano con lui ha evitato il peggio, aiutandolo ad uscire dalla neve in brevissimo tempo. Nel frattempo, ovviamente, avevano allertato il Nue (Numero unico emergenza) 112.

Sul posto è arrivato l’elisoccorso con il personale del Soccorso alpino, mentre gli operatori della Stazione Alta Val di Fassa si sono portati in piazzola a Canazei e due unità cinofile si sono rese disponibili a Moena.

Il 30enne padovano è stato trovato in buone condizioni, ma comunque verricellato sull’elicottero per essere poi trasportato all’ospedale di Cavalese per accertamenti; sin da subito, è apparso in buone condizioni, nonostante la terribile esperienza vissuta qualche minuto prima. I tre compagni di sciata, invece, sono scesi autonomamente a valle.

Un secondo giro di verifiche dall’alto ha confermato che non c’erano altre persone travolte dalla valanga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valanga a Pian dei Fiacconi: sta bene lo scialpinista estratto dalla neve

TrentoToday è in caricamento