Buoni di servizio solo se i bambini sono vaccinati

Chi farà richiesta di Buoni di servizio dovrà allegare l'attestato, chi è già destinatario dovrà confermare la conformità

Per usufruire dei Buoni di servizio sarà necessario essere conformi agli obblighi vaccinali. Lo ha stabilito oggi la Giunta provinciale, recependo una indicazione del Ministero che ha definito l'ambito di applicazione della normativa nazionale.

Per chiedere il riconoscimento dei servizi di conciliazione sarà dunque necessario allegare alla domanda anche l'attestato di conformità dello stato vaccinale dei minori, oppure l'attestato comprovante la presentazione di formale richiesta di vaccinazione o adeguamento dello stato vaccinale fornito dall'Azienda sanitaria.

Il richiedente potrà avvalersi della facoltà di rendere una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, in questo caso dovrà consegnare entro il 10 marzo 2018 la documentazione che prova quanto dichiarato.

Per tutti i soggetti già assegnatari di Buoni di servizio, se la domanda già presentata è priva della conformità allo stato vaccinale dei minori, l'Amministrazione provinciale provvederà direttamente alla verifica richiedendo la conformità all'Azienda sanitaria. Dopo questa verifica, per ogni minore non conforme la Provincia notificherà all'assegnatario del Buono di servizio la non conformità, disponendo che entro 30 giorni dovrà provvedere alla regolarizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento