rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Diversi casi / Valsugana

Vendite on-line e consulenza edilizia: raffica di truffe in Valsugana, denunciate 6 persone

Le persone colpite abitano tutte in Valsugana, i truffatori in Veneto, Toscana e nel tarantino

Diverse le persone denunciate dai carabinieri ad agosto per aver truffe ai danni di persone residenti in Trentino. Le truffe si sono consumate sia attraverso vendite on-line, settore vessato continuamente dai malfattori, sia offline, in campo edile.

Nello specifico nella bassa Valsugana, i carabinieri di Castel Ivano hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Trento due italiani di 65 e 48 anni, uno dei quali pregiudicato per reati specifici, entrambi residenti in Veneto, che hanno ingannato due coniugi, un 28enne e una 34enne romeni, promettendo loro di ristrutturare l’abitazione attraverso l’utilizzo del “Superbonus” statale del 110%. Le vittime del raggiro avevano consegnato loro 3mila e 500 euro in contanti in diverse tranche, incontrando i truffatori in luoghi da essi di volta in volta indicati.

Tutte le notizie sulle truffe più comuni 

Un altro caso risolto, sempre a Castel Ivano, riguarda una truffa perpetrata on-line per l’acquisto di una lavatrice del costo di 1000 euro. La vittima è un 56enne di Castel Ivano che non ha mai ricevuto la merce. Le indagini dei carabinieri hanno permesso di denunciare una pregiudicata italiana di 33 anni residente in Veneto.

Ancora, a Borgo Valsugana, i carabinieri sono risaliti al responsabile di una truffa on-line, attraverso Facebook, che è stato identificato in un pregiudicato di 42 anni residente in Toscana. La vittima, un italiano di 48 anni, interessato all’acquisto di abiti sportivi che non ha mai ricevuto dopo aver provveduto al pagamento di 350 euro.

I carabinieri di Pergine Valsugana hanno identificato in un pregiudicato italiano di 28 anni residente nel tarantino, quale responsabile di una truffa on-line ai danni di un 30enne di Pergine che gli aveva pagato 300 euro per l’acquisto di un robot da cucina che poi non è mai stato consegnato.

E infine a Levico Terme i carabinieri hanno scoperto un truffatore 40enne che aveva pubblicato su un sito on-line un annuncio di un "i-pad" di ultima generazione, incassando dalla vittima 25enne, un cittadino di Levico, un bonifico di 700 euro senza mai spedire la merce.

Per tutti gli indagati vige la presunzione di innocenza fino a quando la loro colpevolezza non sarà accertata con sentenza irrevocabile. I carabinieri invitano i cittadini di prestare molta attenzione prima di procedere al pagamento e denunciare immediatamente al più vicino comando dell’Arma eventuali truffe subite o anche situazioni sospette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendite on-line e consulenza edilizia: raffica di truffe in Valsugana, denunciate 6 persone

TrentoToday è in caricamento