Cronaca

Truffa dello specchietto, colpiti soprattutto gli anziani. L'appello della polizia

L'ultimo caso a Rovereto, dove ad una signora sono stati chiesti 200 euro in contanti

Ancora un caso di truffa dello specchietto segnalato dalla Questura di Trento. Vittima del tentato raggiro un'anziana che si era recata in banca. Dopo aver parcheggiato, la donna è stata fermata da un altro uomo che la informa di come, incidentalmente, l'auto dell'anziana avrebbe urtato la sua, rompendole lo specchietto.

Qui parte il tentativo di truffa: dopo aver inventato la collisione, l'uomo sostiene che, anziché attivare l'assicurazione, sarebbe meglio regolare il tutto in contanti, e convince la signora a prelevare 200 euro. Fortuna vuole che l'anziana racconti tutto al funzionario della banca, che immediatamente la blocca e chiama la polizia. Truffa sventata, ma nel frattempo i truffatori si sono allontanati.

Si tratta solo dell'ultimo caso in ordine di tempo di una truffa che ha tra le vittime principali gli anziani: il raggiro consiste nel far credere alla vittima di aver urtato un’altra vettura mentre si è in marcia. I truffatori, scagliando piccole pietre o palline di gomma, simulano l’urto tra due veicoli che stanno marciando di fianco nello stesso senso (ad esempio, in una carreggiata a due corsie) oppure che procedono in direzioni diverse.

Sentendo l’urto, la vittima crede effettivamente di aver toccato l’altro veicolo e, quindi, si ferma per vedere cosa è successo. Proprio qui, scatta il raggiro: il truffatore vorrà spacciare lo specchietto rotto (o un altro danno alla carrozzeria) come il prodotto del sinistro che, in realtà, non c’è mai stato.

La questura ricorda alcuni semplici consigli per evitare di incappare in truffe dello stesso genere: non aprire agli sconosciuti. Tutte le aziende (luce, gas, telefonia, ASSL) preannunciano il loro arrivo tramite avvisi condominiali; se non sei sicuro della loro identità, non aprire neanche agli appartenenti alle Forze di Polizia, nel dubbio contatta il numero unico di emergenza 112; non tenere denaro o oggetti preziosi in cassetti o armadi a portata di mano; durante interventi manutentivi (idraulici, elettricista) fai in modo che ci sia una persona di fiducia che ti aiuti, per non incorrere in furti, truffe, rapine; se utilizzi internet non fornire a chiunque le tue credenziali e informazioni personali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dello specchietto, colpiti soprattutto gli anziani. L'appello della polizia

TrentoToday è in caricamento