Compra un cellulare su internet: "Pagami con Postepay", poi il venditore sparisce

Truffa online scoperta dai Carabinieri di Trento, il modus operandi è sempre lo stesso, così come il consiglio di non fidarsi dei pagamenti anticipati

Due truffe online, due denunciati, stesso modus operandi. Le indagini dei Carabinieri di Trento hanno portato ad individuare gli autori di due truffe perpetrate in internet tramite il pagamento con carta Postepay. Vittime un uomo di Civezzano ed una donna di Lavis. Il primo aveva concordato la compravendita di un cellulare per 480 euro, la seconda voleva invece acquistare un robot da cucina, prezzo 560 euro. In entrambi i casi i falsi venditori hanno preteso ed ottenuto il pagamento in anticipo, tramite ricarica su conto Postepay, salvo poi sparire nel nulla. Non proprio nel nulla dato che i militari, dopo accurate indagini, sono riusciti ad identificarli e denunciarli per truffa: sono un 56enne campano ed un 37enne lombardo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento