Ancora truffe con le carte Postepay

Altri casi vanno ad aggiungersi a quelli verificatisi recentemente in Trentino. Anche in questo caso i truffatori sono molto giovani, ecco come agiscono

Altri due casi di truffa con carta Postepay in Val di Fassa. Sono due i truffatori denunciati dai Carabinieri di Predazzo al termine delle indagini, entrambi molto giovani: uno è un trevigiano di 28 anni, l'altro un campano di soli 21 anni. Il "copione" lè o stesso dei diversi casi verificatisi recentemente in Trentino: il truffatore si finge interessati adun articolo messo in vendita su qualche sito on-line. Contatta il venditore e spiga di poter pagare tutto subito tramite carta Postepay... quella del venditore!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con particolari giri di parole si invita la vittima a recarsi al più vicijno bancomat delle Poste, inserire la scheda ed eseguire alcune operazioni per rricevere il denaro. Denaro che, ovviamente, anzichè entrare, esce e finisce sul conto del truffatore. Negli ultimi due casi gli articoli in questione erano una bici da corsa e una porta. Il denaro sparito, senza possibilità di restituzione se non dopo processo, ammonta rispettivamente a 1.400 e 4.900 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

Torna su
TrentoToday è in caricamento