Cittadino raggirato con la truffa 'Mi piace. Lo compro. E ti svuoto il conto'

L'episodio a Levico Terme. Prosciugati più di mille euro. Una donna denunciata

Immagine repertorio

È stato raggirato con la truffa che i carabinieri hanno battezzato con lo slogan 'Mi piace. Lo compro. E ti svuoto il conto'. È accaduto a Levico Terme, dove un uomo si è visto prosciugare più di mille euro dal proprio conto corrente. Una persona è stata denunciata per truffa aggravata.

La vittima del raggiro aveva messo in vendita online dei pezzi di ricambio della sua auto, alla cifra di 150 euro. Dopo poche ore gli autori della truffa lo hanno contattato telefonicamente dicendosi interessati all'acquisto e chiedendo l'iban al vendidore per poter pagare attraverso un vaglia veloce. In seguito però i falsi acquirenti hanno richiamato la vittima affermando che avevano problemi ad accreditare la somma pattuita con l'iban fornito per il pagamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al venditore a quel punto i truffatori hanno proposto di recarsi allo sportello del bancomat per registrare un'operazione. Una volta che l'uomo si trovava all'Atm, poi, con un giro di parole gli hanno fornito alcune istruzioni. Dopo le operazioni, però, invece di riuscire ad accreditare il denaro sul suo conto la vittima si è vista prosciugare oltre mille euro, che sono finiti nelle mani di una bresciana, individuata dai carabinieri di Levico e denunciata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento