rotate-mobile
La truffa / Mattarello

"Sono malata, mi servono 53mila euro", ma l'anziana "incastra" i malfattori

Ha ricevuto una telefonata da una donna che si era spacciata per un'amica della figlia e dopo la richiesta della cifra esorbitante, utile per acquistare un fantomatico vaccino, ha chiamato i carabinieri

Si è spacciata per un’amica della figlia, le ha raccontato di essere gravemente malata e che solo un costosissimo vaccino le avrebbe potuto salvare la vita: è il tentativo di raggiro messo in atto da una donna nei giorni scorsi nei confronti di un’87enne di Mattarello.

La richiesta? 53mila euro, da consegnare a una persona che sarebbe arrivata a casa sua di lì a poco. Ciò che la malintenzionata non aveva messo in conto era che l’anziana, in quella trappola, non solo non ci sarebbe caduta, ma che avrebbe anche chiamato i carabinieri.

Ed ecco che, quando l’emissario inviato per la raccolta del denaro si è presentato a casa dell’anziana per recuperare la cifra utile per l’acquisto del vaccino contro il fantomatico pericolosissimo virus, si è trovato davanti i carabinieri: per lui è scattata una denuncia a piede libero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono malata, mi servono 53mila euro", ma l'anziana "incastra" i malfattori

TrentoToday è in caricamento