Sembra legno ma sono rifiuti pressati: sequestro del Noe

Il Nucleo operativo ecologico di Trento stamattina ha proceduto a Mazzin, Vigo, Pozza e Moena al sequestro di 1748 scatoloni da 16Kg l'uno (poco meno di 28 tonnellate) contenenti simil-legna da riscaldamento

Il Nucleo operativo ecologico di Trento stamattina ha proceduto a Mazzin, Vigo, Pozza e Moena al sequestro di 1748 scatoloni da 16Kg l’uno (poco meno di 28 tonnellate) contenenti simil-legna da riscaldamento.

Seguiranno indagini di laboratorio, ma non sembra esserci dubbio sul fatto che il contenuto non sia legna buona, bensì materiale derivato di altra lavorazione, tipicamente recupero rifiuti.
 
I colli provengono dalla provincia di Teramo e sono stati venduti all’ignara famiglia cooperativa locale, parte offesa in tutto il “giro” assieme ai cittadini che, possessori di stufe a caminetto per riscaldamento, non otterranno lo sperato apporto calorico. In ogni caso, almeno secondo i primi accertamenti svolti, non appare esserci pericolo per la salute in caso di combustione dei tronchetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

Torna su
TrentoToday è in caricamento